COMUNICAZIONE: Non inviate comunicati via email (anche perchè è disattivata... momentaneamente) perchè nessuno li pubblicherà per voi. Se volete pubblicare dei contenuti su questo sito registratevi seguendo l'apposita procedura. Ognuno può pubblicare i propri contenuti ma attenzione a cosa pubblicate e come (non mettete immagini troppo grosse). Gli account che creano problemi saranno rimossi.

Vi chiediamo anche di fare attenzione a come si presenta una news. L'occhio vuole la sua parte... Aggiungete il leggi tutto.

 

Print

UNA in concerto a Napoli

Written by MArteLabel. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
La cantautrice pugliese torna ad esibirsi nel capoluogo campano 27 novembre – CPA Live – Via Port'Alba, 30 Napoli ore 22:30 - info line 347 8612209 Torna di nuovo in concerto UNA (Marzia Stano) con il suo “Come in cielo così in terra”, disco pubblicato lo scorso 23 settembre per MArteLabel (con il sostegno di Puglia Sounds Record), secondo capitolo della sua carriera da solista. Dopo il i quattro appuntamenti nel panorama europeo del mese scorso, che l’ha vista esibirsi a Berlino, Parigi, Bruxelles e Lussemburgo, UNA è ripartita con il suo tour italiano con una serie di date nelle migliori location: il prossimo concerto sarà venerdì 27 novembre al CPA Live (Via Port'Alba, ore 22:00), Napoli. Faranno parte dell’appuntamento numerose guest, musicisti e amici con i quali la cantautrice ha collaborato e condiviso il suo percorso artistico in questi ultimi anni, oltre alla consueta lineup costituita da Gianni Masci alle chitarre e Luca “Molla” Giura al basso e alle percussioni. Aprirà la serata Katres (Teresa Capuano); catanese di nascita ma da sempre vissuta a Napoli, all'età di 12 anni inizia a suonare la chitarra e poco dopo si scopre compositrice. Personalità, passione ed eleganza respirano insieme nei suoi testi e musiche, raccontando spesso dell'universo femminile con grande ironia e romanticismo. Il progetto “Come in cielo così in terra”, promosso da PUGLIA SOUNDS RECORD - PO FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV - INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO”, e realizzato al Gas Vintage Records di Roma, propone undici tracce nate da un sinergico lavoro di squadra che ha visto a fianco della cantautrice Daniele “Coffe” Rossi (già produttore di Niccolò Fabi e Tiromancino) come ingegnere del suono, produttore artistico e musicista, Leo Pari nei panni di supervisore dei testi e arrangiatore di alcune musiche, Gianni Masci come polistrumentista, compositore di musiche e arrangiamenti. Ogni brano è un piccolo racconto breve, come “breve” è la durata dell’esperienze descritte: lo spaesamento esistenziale, l’assenza di prospettive future della generazione cui fa riferimento, il tema della precarietà, il rapporto con la propria sessualità, il bisogno di essere amati, l’incapacità di creare legami affettivi e continuativi nel tempo, l’insicurezza e le paure che limitano le scelte di una donna, l’idiosincrasia verso il mondo sociale e la chiusura in se stessi, esasperate da una realtà sempre più effimera e dissipata. Biografia Marzia Stano in arte “UNA”, frequenta il Dams e l' Accademia di Belle Arti di Bologna, nasce a Torino ma cresce in provincia di Bari dove comincia a scrivere le sue canzoni sin da piccola. Dal 2009 lavora assieme al pianista Lucio Morelli (Max Gazzè, Paola Turci) alla scrittura del suo primo disco solista con la partecipazione strumentale di musicisti e amici come Angela Baraldi, Gianluca Bartolo (Pan del Diavolo), Gianni Masci (Jolaurlo), Giacomo Fiorenza (I Cani, Colapesce), Andrea Mancin (Giardini di Mirò). Ad Ottobre 2012 UNA vola negli States per partecipare insieme a Negrita, Subsonica, Mannarino, Mama Marjas, Boom Da Bash ed altri artisti italiani al Festival HIT WEEK. L’uscita del suo primo disco dal titolo “Una Nessuna Centomila”, anticipata dall'UNconventionAl Tour (un minitour europeo che l'ha vista esibirsi nei più importanti palcoscenici europei tra Parigi, Bruxelles e Berlino, oltre ad una anteprima italiana a Napoli e Bologna), è avvenuta a maggio 2013 per MArteLabel, con il sostegno di Puglia Sounds Record. A luglio la cantautrice pugliese si confronta con la grande tradizione della canzone d'autore italiana, proponendo una personale rivisitazione (anche in versione videoclip) de "Il lavoro", uno dei brani di maggior intensità di Piero Ciampi e che descrive perfettamente lo scenario dell'Italia moderna. Ad agosto vola a Budapest per partecipare allo Sziget Festival 2013, una delle più importanti rassegne musicali europee, insieme ad altri artisti della scuderia artistica MArteLabel (Dellera e Underdog). Nei primi di ottobre esce il suo secondo singolo “Qui ed ora”, un brano dove tra annotazione intima e osservazione del mondo i ricordi d'infanzia s'intrecciano a esperienze dell'età matura in un continuum spazio/temporale intorno al presente. Il 6 dicembre è stata tra gli headliner del Medimex 2013, il 7 si è esibita a Roma come finalista del Premio “Fabrizio de André”, ricevendo il Premio AFI 2013 – Miglior Progetto Discografico dell’anno. A gennaio 2014 riparte il suo nuovo tour, con importanti novità: ad aprile è stata impegnata con Dellera (Afterhours) in un minitour, mentre in primavera partirà con il suo nuovo progetto, un Power Trio con Gianni Masci (chitarre) e Luca “Molla” Giura (batteria e percussioni). Ha iniziato la stagione primaverile sul palco del 1 maggio a Taranto e ha portato la sua musica e la sua grinta al Roma Folk Fest il 24 maggio, prima di ultimare le registrazioni del suo nuovo lavoro in uscita a fine settembre. Il 10 giugno è uscito “#Scopamici”, il primo singolo del nuovo album. Il 17 è uscito, in anteprima su Fanpage.it il video di totalizzando in poco più di un mese 60000 visualizzazioni. Il 6 settembre esce “#Mario ti amo”: entrambi i singoli anticipano il disco “Come in cielo così in terra” in uscita il 23 settembre negli store digitali e il 30 nei negozi di dischi.
Print

Stanno spopolando i Monkeynoise i dj metà uomini metà gorilla

Written by monkeynoisepress. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Decine di migliaia di utenti e visitatori nei loro profili e nei loro remix, questi sono i Monkeynoise, una via di mezzo tra esseri umani e gorilla: almeno e quello che loro affermano. In pochi mesi il loro stile originale che spazia dagli anni 90 e 00 fino alla più attuale house con infusioni di pop ha portato le loro serate a riempire la pista. I loro remix e mashup sono stati un vero successo online con decine di migliaia di visioni. Non si conosce l'identità di chi si nasconde dietro quelle maschere, si conoscono solo i loro sopranomi “Flash” e “Splash” appunto. Sembrano nati dal nulla, anche se il loro stile fa concludere che siano professionisti del dj set. Nel loro sito monkeynoise.it spiegano la strana storia di un a sera che mentre “giocavano” sotto il temporale, un fulmine li colpì trasformandoli appunto nei Monkeynoise. Richiesti da molti locali Italiano stanno strizzando l'occhio fuori Europa dove in parecchi stanno facendo trattative per averli una serata, certi che il loro spettacolo che sviluppano e sempre coinvolgente e unico senza una vera scaletta programmata. Nel loro sito www.monkeynoise.it fanno sapere che rilasceranno a breve il loro primo singolo , che potrebbe riverlarsi un successo visto il clamore che come personaggi stanno già riscuotendo. Potete scoprire altre informazioni e curiosità su di loro cercandoli su twitter (monkeynoiseita) o su facebook (monkeynoiseitalia) o cercando i loro live dove poterli ascoltare dal vivo.
Print

UNA live @ A Mi Me Gusta, Civitavecchia (Roma)

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
L’artista presenta il nuovo disco “Come in cielo così in terra” Venerdì 21 novembre – Piazzale Fucsia, 4 UNA (Marzia Stano) sarà in concerto al A Mi Me Gusta di Civitavecchia (Roma) venerdì 21 novembre. L’artista presenterà dal vivo “Come in cielo così in terra”, il nuovo album uscito lo scorso 23 settembre per MArteLabel e con il sostegno di Puglia Sounds Record. Per la cantautrice pugliese, a poco più di un anno dal debutto solista con “Una Nessuna Centomila”, sarà l’occasione per presentare brani tratti dal suo nuovo progetto discografico. Dopo un fortunato tour europeo che l'ha vista il 16 ottobre al MondoLibro di Berlino, il 17 ottobre alla Piola Libri di Bruxelles, il 18 ottobre al Ciao Gnari di Parigi e il 19 ottobre all’Altrimenti di Lussemburgo, e dopo le fortunate tappe italiane al Medimex di Bari (1 novembre) e al Locomotiv Club di Bologna (4 novembre), UNA si appresta a continuare una serie di concerti sparsi in tutta Italia. Le prossime date del tour la vedranno esibirsi con il suo trio, con Gianni Masci alle chitarre e Luca “Molla” Giura al basso e alle percussioni. Il progetto “Come in cielo così in terra”, promosso da PUGLIA SOUNDS EXPORT - PO FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV - INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO”, e realizzato al Gas Vintage Records di Roma, propone undici tracce nate da un sinergico lavoro di squadra che ha visto a fianco della cantautrice Daniele “Coffe” Rossi (già produttore di Niccolò Fabi e Tiromancino) come ingegnere del suono, produttore artistico e musicista, Leo Pari nei panni di supervisore dei testi e arrangiatore di alcune musiche, Gianni Masci come polistrumentista, compositore di musiche e arrangiamenti. Ogni brano è un piccolo racconto breve, come “breve” è la durata dell’esperienze descritte: lo spaesamento esistenziale, l’assenza di prospettive future della generazione cui fa riferimento, il tema della precarietà, il rapporto con la propria sessualità, il bisogno di essere amati, l’incapacità di creare legami affettivi e continuativi nel tempo, l’insicurezza e le paure che limitano le scelte di una donna, l’idiosincrasia verso il mondo sociale e la chiusura in se stessi, esasperate da una realtà sempre più effimera e dissipata. Biografia Marzia Stano in arte “UNA”, frequenta il Dams e l' Accademia di Belle Arti di Bologna, nasce a Torino ma cresce in provincia di Bari dove comincia a scrivere le sue canzoni sin da piccola. Dal 2009 lavora assieme al pianista Lucio Morelli (Max Gazzè, Paola Turci) alla scrittura del suo primo disco solista con la partecipazione strumentale di musicisti e amici come Angela Baraldi, Gianluca Bartolo (Pan del Diavolo), Gianni Masci (Jolaurlo), Giacomo Fiorenza (I Cani, Colapesce), Andrea Mancin (Giardini di Mirò). Ad Ottobre 2012 UNA vola negli States per partecipare insieme a Negrita, Subsonica, Mannarino, Mama Marjas, Boom Da Bash ed altri artisti italiani al Festival HIT WEEK. L’uscita del suo primo disco dal titolo “Una Nessuna Centomila”, anticipata dall'UNconventionAl Tour (un minitour europeo che l'ha vista esibirsi nei più importanti palcoscenici europei tra Parigi, Bruxelles e Berlino, oltre ad una anteprima italiana a Napoli e Bologna), è avvenuta a maggio 2013 per MArteLabel, con il sostegno di Puglia Sounds Record. A luglio la cantautrice pugliese si confronta con la grande tradizione della canzone d'autore italiana, proponendo una personale rivisitazione (anche in versione videoclip) de "Il lavoro", uno dei brani di maggior intensità di Piero Ciampi e che descrive perfettamente lo scenario dell'Italia moderna. Ad agosto vola a Budapest per partecipare allo Sziget Festival 2013, una delle più importanti rassegne musicali europee, insieme ad altri artisti della scuderia artistica MArteLabel (Dellera e Underdog). Nei primi di ottobre esce il suo secondo singolo “Qui ed ora”, un brano dove tra annotazione intima e osservazione del mondo i ricordi d'infanzia s'intrecciano a esperienze dell'età matura in un continuum spazio/temporale intorno al presente. Il 6 dicembre è stata tra gli headliner del Medimex 2013, il 7 si è esibita a Roma come finalista del Premio “Fabrizio de André”, ricevendo il Premio AFI 2013 – Miglior Progetto Discografico dell’anno. A gennaio 2014 riparte il suo nuovo tour, con importanti novità: ad aprile è stata impegnata con Dellera (Afterhours) in un minitour, mentre in primavera partirà con il suo nuovo progetto, un Power Trio con Gianni Masci (chitarre) e Luca “Molla” Giura (batteria e percussioni). Ha iniziato la stagione primaverile sul palco del 1 maggio a Taranto e ha portato la sua musica e la sua grinta al Roma Folk Fest il 24 maggio, prima di ultimare le registrazioni del suo nuovo lavoro in uscita a fine settembre. Il 10 giugno è uscito “#Scopamici”, il primo singolo del nuovo album. Il 17 è uscito, in anteprima su Fanpage.it il video di totalizzando in poco più di un mese 60000 visualizzazioni. Il 6 settembre esce “#Mario ti amo”: entrambi i singoli anticipano il disco “Come in cielo così in terra” in uscita il 23 settembre negli store digitali e il 30 nei negozi di dischi. Dicono di “Come in Cielo così in terra”: “È un racconto in forma di canzone, cosa che Marzia sa fare, anche se titolare il primo singolo #scopamici sa di furbata (così come il namecheck dell’Oroscopo di Internazionale), comunque la sua piccola voce (non viscerale alla Carmen Consoli) sa guidare l’ascoltatore dell’album Come in Cielo così in Terra in una vita che sa di vero e di oggi.” – Internazionale “Una, alias Marzia Stano, è una sorta di Gianna Nannini in versione indie, con testi schiettissimi, e molto coraggio nell’impianto musicale (Antiselfie è addirittura heavy metal). L’album è ben suonato e gradevole, ma ha un taglio troppo esplicito: quel che gli manca è proprio quel senso di mistero che lo renderebbe più poetico.” – Blow Up “C’è molto di lei in questo suo nuovo disco, c’è molto di donna e delle sue purezze d’intento, c’è molto di bellezza e di quella personalità indomita che questa grazia umorale trasmette durante il running della tracklist, conflitti e chiaroscuri che nelle domande e i ricordi di Sotto il cielo dell’Ilva, nella baldanzosità amarognola #Scopamici, tra le onde di corde folk e acustiche di Il paese che canta (gioiellino scritto insieme a Kruger dei Nobraino) e la spigolosità di Antiselfie, rappresenta un cosmo particolarissimo, una finestra spalancata ed un punto d’incontro tra sogno e realtà e, appunto, tra cielo e terra. UNA…personalità da vendere!” – FreakOut Magazine “Nel chiasso dei miei pensieri, dei miei ricordi, dei miei dubbi, non stavo ascoltando il mare e il suo silenzioso canto, che parla solo a chi lo sa ascoltare. Mi ricordo il titolo di questo disco di Una, Come In Cielo Così In Terra, e ho un’illuminazione talmente forte che mi commuovo di fronte all’armoniosa generosità della natura, che raccoglie le nostre parole già prima che si formulino nelle nostre menti e comincia a darsi da fare per aiutarci, pur sapendo che noi quasi sempre non la percepiamo, non la sentiamo, non la guardiamo… non la comprendiamo.” – Ithink Magazine “Le canzoni di Come in cielo così in terra forse non sconvolgeranno il mondo discografico italiano (e non certo per demeriti), ma se ascoltate con la giusta attenzione, offriranno tanti spunti interessanti perché sanno essere voce libera, intelligente e costruttiva. Non è tempo per le canzonette e Una, autrice ormai matura, lo sa bene e ci racconta, sì, storie semplici e universali, ma andando a scegliere personaggi e contesti che sanno fare la differenza. […] 11 brani, 11 potenziali singoli come dimostra Camilla e Matteo, che scegliamo su tutti come modello moderno di canzone pop. Le piccole rivoluzioni culturali, o semplicemente le piccole resistenze quotidiane, passano anche da queste canzoni: leggere nella forma, pungenti nella sostanza. Di ciò bisogna darne merito. Una, prima o poi, diventerà Qualcuna.” – Shiver MArtePress
Print

Nobraino in concerto a Livorno

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Continua al The Cage Theatre il tour di fine 2014, una nuova serie di date in tutta Italia Via Del Vecchio Lazzaretto, 20 – ore 22:30 – ingresso € 12,00 prevendita disponibile su www.bookingshow.it Dopo una breve pausa che ha concluso la loro lunga serie di date partita lo scorso febbraio, i Nobraino saranno nuovamente in tour con tanti appuntamenti live nelle migliori location musicali, occasione per ascoltare il meglio del repertorio ma soprattutto le ultime novità discografiche. Il prossimo dei concerti sarà presso il The Cage Theatre di Livorno il prossimo sabato 22 novembre (Via Del Vecchio Lazzaretto, 20 – ore 22:30 – ingresso € 12,00 – biglietti disponibili su www.bookingshow.it – Per info: 3928857139). Sarà “L’ultimo dei Nobraino” il piatto forte della tournée, pubblicato lo scorso 4 febbraio per Color Sound Indie / Warner Music Italy: quarto album discografico in studio della band, è stato anticipato il 10 gennaio dal singolo “Bigamionista”. Il disco contiene quattordici tracce capaci di fondere l’indie rock al cantautorato con l’aggiunta di atmosfere folk e testi ironici che da sempre caratterizzano la band. Oltre a “Bigamonista”, vi sono “Via Zamboni”, la via di Bologna sede delle principali facoltà dell’Università; “Jacques Pervert”, che rivolta il nome del grande poeta francese Jacques Prevert, riconsegnando un’idea di amore alternativa. “Bella polkona” gioco di parole che descrive la terra di origine del gruppo, mentre “Michè” è una sorta di omaggio-estensione de “La ballata di Michè” di Fabrizio de André. Per tutti gli aggiornamenti sulla band, è possibile seguire i loro canali ufficiali www.nobraino.eu www.twitter.com/nobraino www.facebook.com/nobraino www.youtube.com/user/nobrainomusic CALENDARIO TOUR 14/11 | Taneto di Gattatico (RE) // Fuori Orario 22/11 | Livorno // The Cage 29/11 | Bologna // Estragon 05/12 | Arezzo // Karemaski 06/12 | Perugia // Urban 13/12 | Brindisi // Dopolavoro ferroviario 19/12 | Torino // Hiroshima 20/12 | Cesena (FC) // Vidia Club – con Giacomo Toni e il Duo Bucolico 27/12 |Firenze // Auditorium Flog 09/01 | Messina // Retronouveau NOBRAINO I Nobraino sono una band indie rock italiana che nasce negli anni '90 a Riccione e cresce nel circuito delle autoproduzioni e delle etichette indipendenti. Un gruppo che si è nutrito di concerti, oltre un migliaio, e che ha fatto della performance il suo punto di forza. Conosciuti ormai in tutta Italia per i loro live act dirompenti e fuori da ogni schema, propongono fondamentalmente una forma di cantautorato classico che non sacrifica l’esuberanza di una solida formazione rock. Un approccio che consente loro di muoversi tra vari generi con grande eclettismo senza mai perdere la loro identità." “L’ultimo dei Nobraino” è un disco che rappresenta in pieno questo spirito: impegnato e scanzonato al tempo stesso. Più che mai in questo lavoro si attraversano atmosfere dense di colore e significati alternate ad altre più immediate e stradaiole; testi, strutture e arrangiamenti variano di registro, in continuazione, in una ricerca continua e ambiziosa. Il tentativo è quello di trovare la propria cifra stilistica nell'eterogeneo, una sorta di ossimoro ben riuscito che declina in quattordici tracce il mondo Nobraino. La storia discografica dei Nobraino vanta quattro dischi. Il 2006 è l’anno del primo album ufficiale "The best of Nobraino", nel 2007 un live di pezzi inediti "Live al Vidia Club”, il 2008 è l’anno della svolta, vincono il Premio rivelazione dell'anno al MArteLive, che li porterà a firmare il contratto di management e produzione discografica con MArteLabel. Nel 2010 l’uscita dell'album "No USA! No UK! Nobraino", con la direzione artistica di Giorgio Canali. Nel marzo 2012 esce il “Disco d’Oro” prodotto nuovamente da MArteLabel e registrato con Manuele “MaxStirner” Fusaroli. Ma è proprio grazie ai numerosi concerti e al passaparola costante che i Nobraino sono riusciti a formarsi sul palco, a creare uno spettacolo, non solo un semplice concerto, a realizzare dischi ricchi di belle canzoni e sono arrivati sul divano televisivo della Dandini a “Parla con me” dove sono letteralmente esplosi a livello popolare tanto essere nominati la miglior indie-band dell’anno 2010 nel sondaggio di XL Magazine. Nel novembre 2011 i Nobraino si sono esibiti al Teatro Ariston di Sanremo ospiti del Premio Tenco 2011 mentre nel 2012 e nel 2013 hanno suonato sul palco del Concerto del Primo Maggio. In passato avevano ottenuto altri riconoscimenti come il DemoRai, il Sele D'oro e il premio speciale MEI “Miglior Tour dell’anno” MArtePress
Print

Leo Pari in concerto a Isernia

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Le nuove tappe del Sirèna Tour 21 novembre –HolzHaus– Traversa Occidentale 9/11, Isernia Leo Pari, nuovamente in tour, per una lunga serie di appuntamenti live che lo porteranno ad esibirsi nelle migliori location musicali nazionali, presentando sia brani della sua ultima produzione discografica, “Sirèna” (album pubblicato nel 2013), sia recenti brani inediti. Ad un anno esatto dall’uscita di quello che rappresenta il secondo disco di una trilogia iniziata nel 2012 con “Rèsina”, Leo Pari si esibirà il prossimo venerdì 21 novembre presso l’HolzHaus, Traversa Occidentale 9/11, Isernia Il cantautore si cimenterà questa volta in formazione elettrica, dando nuova veste sonora ad un album che rappresenta un punto di svolta della sua carriera artistica; compagni di viaggio saranno Emiliano Bonafede (chitarre), Costanza Cruillas (basso) e Filippo Schininà (batteria). Il tour prevede date per tutto il mese di novembre e proseguirà poi anche nei primi mesi del 2015. "Sirèna", uscito l’8 novembre 2013, è prodotto ed arrangiato dallo stesso Leo Pari in collaborazione con Mr.Coffee (Niccolò Fabi, Tiromancino) e mixato da Tommaso Colliva (Calibro 35, Afterhours, Dente). In "Sirèna" Leo Pari ci parla di amanti notturni e di sesso (Piccolo Sogno, Boogie #12), racconta con grande ironia come, finita una storia d'amore, ce ne sia sempre un'altra pronta a sorprenderci (Cara Maria); e ancora il narrare dell'Amore puro e perfetto che da sempre si ricerca (C.U.O.R.E. e la bellissima Da Tempo che chiude l'album) che sa renderci fantasiosi e visionari, tanto che "ruberemo i Diabolik dalle case al mare degli amici, costruiremo un rifugio antiatomico dove saremo felici" (La Sposa Di Cera). Infine c'è anche spazio per riflessioni esistenziali e autobiografiche (L'Uomo Niente, Assholo) dove Leo Pari ci confessa che a 35 anni è "meglio una vita salutare che salutare la vita".undefined
Print

The Vad Vuc, il nuovo singolo in radio

Written by Giovanni Germanelli. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
THE VAD VUC Dal 10 Novembre nei digital stores, su Sound Cloud e YouTube ed in rotazione radiofonica il nuovo singolo “COCKTAIL E FANTASMI” https://www.youtube.com/watch?v=4cS1ggZPDd4 E da Dicembre il nuovo CD live + DVD “COCKTAIL E FANTASMI” A quasi due anni di distanza dalla pubblicazione dell'album di successo “HAI IN MENTE UN KOALA?”, THE VAD VUC ritornano con il loro nuovo attesissimo singolo “COCKTAIL E FANTASMI”: da lunedì 10 novembre nei digital stores, su Sound Cloud, YouTube, sul sito www.vadvuc.ch ed in rotazione radiofonica. Il singolo “COCKTAIL E FANTASMI”, un brano interamente cantato in italiano nell'inconfondibile stile di THE VAD VUC, non mancherà di sorprendere e conquistare i fans della band ticinese. Una canzone che scaturisce da due diverse situazioni; il testo, firmato da Daniele Cuffaro, nasce da un'allegra serata di festa fra amici. La musica, ad opera di Cerno (Michele Carobbio), con la collaborazione di Fabio Martino, prende forma in una camera d'ospedale, fra i fantasmi di un intervento chirurgico. Il brano racconta di una serie di riflessioni che ci mostrano come, forti delle nostre percezioni e dei nostri giudizi, siamo pronti ad illuderci e a cercare un ambiente in cui le nostre convinzioni possano rimanere tali. Nord e Sud: questi due punti cardinali diametralmente opposti, come musica e parole, si mischiano e si rincorrono in una canzone punk-folk dal significato aperto, ma dai risvolti solo apparentemente surreali. A volte si sta a Nord, a volte si sta Sud. Il singolo “COCKTAIL E FANTASMI” fa da anteprima all'omonimo CD live + DVD “COCKTAIL E FANTASMI” , in uscita a dicembre su etichetta Event8 SAGL: il CD, 65 minuti di musica (concerto registrato il 18.03.2013 all'Auditorio Stelio Molo della RSI), conterrà 15 brani, di cui 3 inediti: "Cocktail e Fantasmi", "Zirichiltaggia" (cover di Fabrizio De André) e "Se non ti posso avere". "Cocktail e Fantasmi" e "Se non ti posso avere" sono stati incisi in studio, mentre "Zirichiltaggia" fa parte del concerto live presente sul disco. Il DVD “Cocktail e fantasmi” racconterà in immagini emozioni, suoni, colori e il dietro le quinte dell'ultimo grande tour di THE VAD VUC: una tournée che quest'anno li ha portati, quale prima e unica band ticinese, a calcare il prestigioso palco dell'Heitere di Zofingen, uno dei maggiori festival open air svizzeri. Il DVD, della durata di 50 minuti, è prodotto da Alberto Meroni per la regia di Giona Pellegrini ed include una sezione di contenuti extra tutta da scoprire! Ma le novità non finiscono qui: presto saranno svelate tutte le date del “Cocktail e Fantasmi Tour 2015” che prevede la partecipazione di The Vad Vuc a due spettacolari serate che già si annunciano memorabili: il 27 gennaio 2015 suoneranno sotto il tendone di Das Zelt, a Lugano, ed il 6 agosto 2015 saranno ospiti del Guinness Festival di Sion, la kermesse di musica folk più importante della Svizzera! The Vad Vuc sono: Cerno - Michele Carobbio - Voce, chitarra, mandola, mandolino, Jacky - Giacomo Ferrari – Basso, banjo, cori Seba - Sebastian Cereghetti - Trombone, mandolino, bombardino, Boss - Davide Bosshard - Susafono, tastiere Miske - Michelangelo Storari - Batteria, percussioni, Fid - Fidel Esteves Pinto - Flauti, tromba Mago – Fabio Martino – Fisarmonica, tastiere, cori Con il supporto di Soundlab, progetto realizzato dall'associazione Azimut nell'ambito di «Viavai – Contrabbando culturale Svizzera- Lombardia», un programma di scambi binazionali promosso dalla Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia e realizzato in partenariato con i cantoni Ticino e Vallese, la città di Zurigo, la Fondazione Ernst Göhner e con il patrocinio degli Assessorati alla Cultura della Regione Lombardia e del Comune di Milano. www.viavai-cultura.net
Print

THE BEAT GOES ON

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
SCUDERIE MARTELIVE + EDWIGE presentano THE BEAT GOES ON FAB SAMPERI (DJSET) + LA BAND DEL BRASILIANO (LIVE) more DJ REBEL SILVER BOY MARGOT KOREMAN VISUAL 21 Novembre 2014 | RIALTO S. AMBROGIO | Ore 22.00 Cosa succede se il party più shakedelico e cinematico della capitale incontra una delle più solide piattaforme italiane per la diffusione dell’arte e della musica a 360°? THE BEAT GOES ON: evento unico realizzato grazie alla ritrovata sinergia tra EDWIGE e ScuderieMArteLive. Quello di Venerdì 21 Novembre al Rialto Sant’Ambrogio sarà veramente un appuntamento immancabile: special guest, in consolle FAB SAMPERI aka The Captain. Re della Power Bossa (dal nome del suo ultimo album uscito su Agogo Records) é tra i talenti più eclettici e attivi nella scena Funky Breaks & Nu-Jazz, sia come musicista, sia come dj e producer, grazie alle sue collaborazioni con Mo' Horizons, Skeewiff, Ursula 100, Smoove & Turrell, Basement Freaks. Non c'è stata edizione di EDWIGE durante la quale non abbia girato almeno un suo disco/remix. Altrettanto orgoglio c'è per un concerto a lungo desiderato e che finalmente porterà ad esibirsi a Roma La Band Del Brasiliano. Ensemble di musicisti toscani nata quasi per gemmazione dal collettivo cinematografico John Snellimberg (il loro Sogni di gloria è fresco di premi e uscita in sala). Qualcuno potrebbe confonderli con i Calibro35 (che in effetti hanno curato la colonna sonora del suddetto film), ma il loro sound è molto più un crossover di generi, tra easy listening, funk, beat e colonne sonore sexy (con echi di Morricone, Cipriani e dei fratelli De Angelis), mentre la voce di Serena Altavilla (già Mariposa) fa davvero la differenza. A fare gli onori di casa Dj Silver Boy, resident dei party EDWIGE dal 2010, col suo cocktail scatenato di beat, tropical samba, italian funk & jazz dance. Insieme a lui Dj Margot, selector che unisce classici sixties, b-sides, riempipista e chicche contemporanee, prediligendo bassi prepotenti, sonorità happy e ipnotici loop. Coadiuvati dal groove micidiale di Dj Rebel, anima delle serate targate DJ’S CHOICE e membro dell’esoticissimo duo Los Diablos Del Ritmo: nei suoi set il funk, il soul e l’anima latina sfumano nell’hip hop e nella drum’n’bass. Ma che EDWIGE sarebbe senza la potente immersione cinematica servita dalle proiezioni fluttuanti e immaginifiche che da sempre l'hanno contraddistinta? Ad animare a tempo e in tempo reale le pareti del Rialto ci sarà Koreman Visual, con il suo prezioso repertorio saccheggiato da improbabili, oscuri film anni '50/'70, caroselli, documentari industriali, diavolerie pop e molto altro ancora. START h. 22.00 LIVE h. 22.00 LA BAND DEL BRASILIANO DJSET h. 23.30 ROOM ONE: FAB SAMPERI + DJ REBEL ROME TWO: SILVER BOY + MARGOT END h. 04.00 BIOGRAFIE FAB SAMPERI aka THE CAPTAIN (Beatnick City / Ghetto Funk / Agogo Records) Uno dei più eclettici talenti della scena nu-funk/brazil/nu jazz, Fab Samperi ha già sfornato diversi singoli per la Afroart Records, Record Kicks, Resense, ChinChin Records, Goodgroove. Il suo album di debutto Power Bossa è uscito nel 2011 per Agogo Records, prestigiosa etichetta discografica dei leggendari Mo’Horizons, Juju Orkestra e Una Mas Trio. Contiene hit come In the river o Listen Up, ed è stato trasmesso da tutte le principali emittenti internazionali (BBC, WDR, RAI) nonché oggetto di remix da Smoove ai Basement Freaks. Tra le collaborazioni di Fab ricordiamo quelle con il cantante soul John Turrell (Jalapeno e Universal), l’MC australiano Joelistics (Liberation Records), Martjin dj Maestro (Blue Note NL) e Mo’Horizons (Agogo Records, Stereo Deluxe). In Italia è anche conosciuto come THE CAPTAIN ed è amatissimo da Francesco Adinolfi, che lo ha trasformato in uno degli “ingredienti” principali del suo programma Popcorner su Radio 2. Ha sfornato a sua volta diversi remix per Basement Freaks, Skewiff, URSULA 1000, Montefiori Cocktail, Sly Players. Fab Samperi aka “The Captain”, si è guadagnato un posto in primo piano nella scena Nu-Funk internazionale, sia come Producer che come DJ (incendiari i suoi djset da Tokyo a Milano, dal Picasso Bar di Mosca al Melkweg di Amsterdam). Al momento è uno degli artisti di punta della Goodgroove, della RESENSE / Agogo Records e di Ghetto Funk. Recentemente ha fondato una sua etichetta, la Beatnick Records. LA BAND DEL BRASILIANO La Band del Brasiliano è un ensemble di musicisti toscani, provenienti da realtà molto diverse tra loro (Dilatazione, Paolo Benvegnù, Ulan Bator, Dinamitri Jazz Folklore, Marta Reewees, Fantomatik Orchestra, Andrea Franchi e i Pupazi, Murièl, Matteo Bonechi Frutta Bio Trio, Organic Groove, Eddie Floyd), appositamente riuniti per la composizione di alcuni brani della colonna sonora de "La Banda del Brasiliano" di John Snellinberg (2010). Nel 2011 la Band comincia ad esibirsi dal vivo, in formazione “big band” da 11 elementi, con le voci di Serena Altavilla (Blue Willa, Mariposa) e David Arnetoli (Freak Banana) dividendo il palco con artisti come Baustelle, Calibro 35 e altri. Il primo disco de La Band del Brasiliano, “Vol. 1”, registrato, mixato e prodotto da Alessio Pepi, mescola brani originali con reinterpretazioni di brani di Morricone, Cipriani, i De Angelis e altri in un ritmato ed ironico crossover di stili e generi, tra easy listening, funk, beat e colonne sonore sexy. BAND: Serena Alessandra Altavilla: Voce, cori Davide Arnetoli: Voce, cori, percussioni Filippo Brilli: Sax baritono, tenore, contralto / Chitarra ritmica Simon Chiappelli: Trombone Lorenzo Ciani: Chitarra solista Patrizio Gioffredi: Chitarra ritmica Danilo Scuccimarra : Clavinet, Organo, Piano, Rhodes, Chitarra Alessio Pepi: Basso Alessio “Ciborio” Gioffredi: Batteria DJ REBEL Tommy, Dj Rebel, è un giovane dj di Roma. Il suo dj set è un accattivante mix di suoni e ritmi, originali e rimescolati con i grooves moderni. La sua passione per la musica funk soul e latina sfuma nell’hip hop e nella drum’n’bass, forma e contenuto si confondono e i generi si contaminano a vicenda. Il risultato è una singolare selezione di imprevedibili rivisitazioni e rarità che cercano di unire i gusti più esigenti agli animi più vivaci. Si è fatto conoscere a livello internazionale grazie ad alcuni bootleg e particolarmente apprezzate sono le sue collaborazioni con il dj e amico portoghese Dedy Dread. A Roma da due anni organizza la serata DJ’S CHOICE, dove si sono avvicendati come ospiti alcuni dei migliori dj & producers europei: J Star, Panama Cardoon, Minimatic, Shantisan, Suonho, Fab Samperi e altri ancora. Con i suoi dj set ha accompagnato artisti del calibro di Mo’ Horizons, Richard Dorfmeister, Alexander Barck (Jazzanova), The Dynamics, James Senese e I Funkallisto. I suoi vinili hanno girato anche in Portogallo, Spagna, Grecia e Germania ma li potreste più facilmente ascoltare nei club, bar e centri sociali della sua città, spesso in accoppiata con il veteran dj Ciccio Dee Mario. DJ SILVER BOY Il set di Silver Boy è un cocktail scatenato di old & nu-vibes di matrice funk, soul, bossa, beat, tropical, afro, rock, contaminato a sua volta da una vera e propria ossessione per il sound italiano delle colonne sonore e della library music (sfociata nel progetto COLPO MAESTRO), o per le eccentricità più esotiche di ogni luogo e tempo. Ha fondato EDWIGE e MAGNETICA, storici happening audiovisivi ispirati al cinema e alla cultura pop degli anni '50, '60 e ’70, e il party SONORISSIMA, a sua volta dedicata alle sonorità sixties beat della nuova scena nazionale. Ha suonato in quasi tutti i più importanti club della capitale, spingendo la sua musica anche all'interno di importanti manifestazioni cinematografiche come il Torino Film Festival, il SalinaDocFest, la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro. Nel 2012, per il MACRO, ha inaugurato con i suoi set in vinile le mostre NEON. LA MATERIA LUMINOSA DELL’ARTE e THE BIG BAMBOO dei fratelli Starn. DJ NOEMI MARGOT Classe '82. Dai 0 ai 3 anni ascolta solo musica classica e Inti-Illimani: concerti, vinili, filodiffusione. Cresce studiando violino, pianoforte, flauto e chitarra; con grande soddisfazione dei maestri (e della mamma) le viene "diagnosticato" un orecchio assoluto, e chissà quanti altri talenti. Poi arrivano gli anni '90, il conflitto generazionale - Battisti, Beatles, Vasco... i Nirvana! - e la carriera da polistrumentista virtuosa, stroncata. Attualmente ascoltatrice onnivora, ama saccheggiare gli archivi e crede fermamente nei colpi di fulmine. I suoi set uniscono classici vs. indie, moderno vs. retrò; groove rotondi e sensuali, bassi prepotenti e ipnotici loop. Ha avuto il piacere di molestare molte consolle, tra Roma (Le Mura, Esc Atelier, D Apartment, Monk, Lanificio 159, Belleville, Angelo Mai, Forte Fanfulla, Locanda Atlantide, etc) e Napoli (Arenile Reload, Kesté, Il Cratere) prevalentemente; ha partecipato a due edizioni del Festival Rockalvi e ha musicato i closing party dei festival del Cinema di Pesaro, di Torino, Road To Ruins, SalinaDocFest. Da luglio scorso é esperto musicale per le redazioni Rai Radio FD4 & Isoradio. MArtePress
Print

ALICE Live al caffè 900 di Porto San Giorgio

Written by GIULIO. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Prosegue il successo radiofonico di "Without Love” ma anche l’attività live di Alice che è tornata ad esibirsi lo scorso 7 novembre con una straordinaria performance in uno dei locali più prestigiosi della sua Città ,il caffè 900 che da anni allieta la mondanità e la movida sangiorgese. Alice ed il musicista Stefano Manfredi hanno dato prova di grande caratura intrattenendo il pubblico in una particolare serata nel locale gestito da Augusto e Giampiero Mercatilli. Le doti di grande versatilità della cantante collezionano apprezzamenti di pubblico e di critica confermando la voglia e la passione di continuare a scalare , passo dopo passo, la difficile scena musicale italiana. “Without Love” si conferma essere la “firma” per il lancio della giovane artista che sicuramente ci stupirà con i suoi prossimi progetti . Alice Traini, nasce a Cesena il 2 ottobre del 1992 ed inizia ad appassionarsi di musica già da piccola. Cresce con l’animo R&B, Soul e Gospel, influenzata da artisti mondiali del calibro di Ray Charles, Etta James, Aretha Franklin e Whitney Houston. All’età di 18 anni si trasferisce a Londra dove inizia a seguire delle lezioni di canto con importanti vocal coach del panorama musicale internazionale. Ritornata in Italia, precisamente a Roma, decide di perfezionarsi come artista, frequentando una scuola di Performing Arts, affinando le sue abilità in danza, canto e recitazione. Nello stesso periodo partecipa a diversi concorsi canori . Seguono collaborazioni musicali in Italia e all’estero. Nel 2014 entra a far parte del cast del musical “Madam Senator” in cui interpreta una delle protagoniste. Firma il suo primo contratto discografico con la scuderia della Ghiro Records, capitanata dal noto produttore David Marchetti, dove dà inizio con pazienza e professionalità ad un nuovo ambizioso progetto .
Print

Gli Aeguana Way e i loro “Cattivi Maestri”

Written by Blob Agency. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
L'alternative-rock band lucana, che vanta collaborazioni con Marta Sui Tubi, Management Del Dolore Post-Operatorio e ha calcato palchi prestigiosi come quello del Concertone del Primo maggio a Roma, pubblica la sua terza fatica discografica, l'atteso Cattivi Maestri, anticipato dall'omonimo singolo. Genere: alternative-rock - Label: Warning Records Soundcloud Official: soundcloud.com/aeguanaway ReverbNation: www.reverbnation.com/aeguanaway YouTube:https://www.youtube.com/playlist?list=PLB5Wk02BEHqPwAL059xQTVvrf5-ac4ejN Spotify:https://play.spotify.com/album/3IDl4rzfZtkmMJMR92cznE A tre anni di distanza dal loro Mediazione, i lucani Aeguana Way tornano con un nuovo album dal titolo Cattivi Maestri che uscirà per Warning Records il 10 Novembre 2014 con distribuzione digitale nei maggiori e-stores (Spotify, Deezer, iTunes, Amazon e molti altri). Nove tracce che raccontano una società che fluttua nel caos, dove si vive un po' sospesi tra realtà e mondo digitale. Cattivi Maestri è anche il titolo del primo singolo e brano “rompighiaccio” dell'omonimo full-length, che regala una visione nitida di generazioni cresciute secondo l’apparenza e la castrazione dei propri sogni. A proposito del singolo, la band dichiara: “Per cattivi maestri si intendono i consigli sbagliati, o meglio, i cliché di ciò che è considerato un percorso ideale. Ogni epoca è stata dominata da azioni e percorsi umani su binari prestabiliti, lasciando poco spazio alla naturale attitudine dell’individuo, il quale potenzialmente avrebbe potuto eccellere in un percorso non convenzionale”. Un invito quindi, come ripetuto più volte nel brano, a “guardare il mare”, ivi inteso come metafora di uno sguardo più ampio, sinonimo di libertà e infinite possibilità, simbolo in cui specchiarsi per ritrovare se stessi ed agire secondo le proprie attitudini. Un disco intenso dal forte impatto sonoro che invita a cercare la propria identità sociale come forma di libertà. Un lavoro composto secondo la migliore tradizione rock anni ’90, a cui la band ha sempre strizzato l'occhio, dove non mancano però influenze elettroniche. Un sound aggressivo ma al contempo melodico. L'album si avvale di tre collaborazioni importanti: quella di Paolo Pischedda (Marta Sui Tubi) che ha arricchito con il pianoforte due brani, Ibrida e La Fiaba di Natale; in quest'ultimo compare anche il violoncello di Francesco Parente, eccellenza della musica classica (orchestra RAI, Cocciante, Al Bano) mentre Marco di Nardo (Management Del Dolore Post-Operatorio) è al sintetizzatore in Caronte. L'album è stato registrato tra Milano e Ferrara, con la produzione esecutiva del loro storico fonico Donato Pepe (sound engineer SAE) mentre la produzione artistica è stata affidata a Manuele Fusaroli (già produttore per Le Luci Della Centrale Elettrica, Management Del Dolore Post-Operatorio, Tre Allegri Ragazzi Morti” etc.).
Print

Paolo Bernardi Quartet in concerto presso l’Institut Français - Centre Saint-Louis

Written by MArtePress. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Il jazzista romano torna di nuovo con il suo progetto dedicato ad Aznavour, in un concerto presso il prestigioso istituto capitolino Roma – Largo Toniolo, 22 – 13 novembre ore 21:00 – ingresso gratuito – info: 066802606/29 Un luogo simbolo della cultura, un appuntamento con una manifestazione che esprime il meglio della cultura francese: giovedì 13 novembre il Paolo Bernardi Quartet sarà in concerto presso l’Institut Français - Centre Saint-Louis, per proporre brani tratti dal progetto discografico “…Plays Aznavour”, dedicato ad uno dei più grandi interpreti della canzone cantautoriale francese. Il disco nasce dalla passione personale di Paolo Bernardi verso lo chansonnier, compositore, scrittore, nonché attore versatile ed apprezzato. Canzoni come La Boheme, Com'è triste Venezia, L'amore è come un giorno, She, sono solo alcune delle perle del suo sterminato repertorio, che il quartetto ha deciso di reinterpretare secondo il proprio gusto e sensibilità. Il disco contiene anche due brani originali di Bernardi, Autoritratto, inserito nel cd in un medley con un altro di Aznavour (Hier Encore), inserito come sorta di “coda” e quasi a voler essere un omaggio come ideale continuità affettiva con la sua musica. Il secondo è Mon ami, un jazz waltz il cui andamento ternario e ballabile è piuttosto frequente nelle canzoni di Aznavour. Ma è anche “incastonato” da momenti più lirici e un po' sofferti che intendono suggerire anche altre atmosfere tipiche del suo modo di comporre. Con questo prestigioso concerto, il pianista romano chiude simbolicamente un percorso iniziato esattamente un anno fa con la pubblicazione dell’album. Inoltre, il prossimo 4 dicembre verrà pubblicato il suo nuovo disco, “Impressions”, una raccolta di brani originali accompagnata da diverse cover, che fotografa e illustra in profondità le mille sfaccettature artistiche del pianista romano. BIOGRAFIA Nato a Roma nel 1973 ha compiuto studi musicali classici, diplomandosi in pianoforte presso il conservatorio “Respighi” di Latina. Si diploma, dopo averne frequentato il corso triennale, in Musica Jazz, presso il conservatorio “Morlacchi” di Perugia nel 2004 col massimo dei voti, col M° Paolo Di Sabatino. Nel 2009 consegue la laurea di II livello in Jazz presso il Conservatorio “S. Cecilia” di Roma, sotto la guida del M. Paolo Damiani col massimo dei voti e la lode. Inizia l'attività professionale come pianista di scena in vari spettacoli teatrali, tra cui “Sei personaggi in cerca d'autore”, diretto da Giuseppe Patroni-Griffi, nell'edizione del 1998. Ha suonato e ha all’attivo numerose registrazioni con: Irio De Paula, Sandro Deidda, Enrico Ghelardi, Paolo Belli, Massimo Nunzi, Massimo Guerra, Davide Grottelli, Rodolfo Maltese, Alfredo Romeo, Enrico Bracco, Marco Loddo, Andrea e Stefano Nunzi, Carlo Conti, Lino Patruno, Michael Supnick, Mike Appelbaum, Clive Richie, Minnie Minoprio, Guido Giacomini, Alberto Botta. E' pianista, nel 2007, nel Giorgio Bracardi Show. Ha partecipato, con varie formazioni, a numerosi festival musicali, tra cui: I Giardini della Filarmonica; Villa Celimontana, Casa del Jazz , ecc. Nel 2008, da una sua idea, nasce il Paolo Bernardi Quartet: Farhenheit Project, progetto che propone sue musiche originali e suoi arrangiamenti di standard americani. Riceve, per il cd uscito nel 2011 per l'etichetta Dodicilune, recensioni e interviste per importanti emittenti e riviste di settore. Con esso si esibisce in prestigiosi locali romani, quali Alexanderplatz, Bebop, Beba do Samba e in rassegne significative (Festival Jazz Teatro del Sogno ’09, Roma; Percorsi Jazz ’09 – conserv. “S. Cecilia”, Roma). Il secondo progetto del quartetto è interamente centrato sulla figura e la musica di Charles Aznavour (Sifare, 2013). Nel 2014 Bernardi si cimenta con due nuove progetti: il 24 aprile è stato pubblicato “Eloisa e Abelardo”, audiobook dedicato alle splendide e poetiche lettere d’amore di una delle coppie più famose della letteratura sentimentale europea. Il 4 dicembre uscirà invece “Impressions”, un omaggio ad un pianismo più moderno e meno legato a declinazioni sonore prettamente swing.
Print

"Se mai mi penserai" nuovo singolo di Razza Krasta in radio dal 7 Novembre estratto dall'album "AfteRap" in uscita il 28 novembre

Written by Alessandra Placidi. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Razza Krasta Nuovo singolo “Se mai mi penserai” In radio e nei digital store dal 7 Novembre Secondo estratto dall’album “AfteRap” in uscita il 28 novembre “Se mai mi penserai” è il secondo singolo estratto dal disco AfteRap in uscita il 28 Novembre 2014 per l'etichetta discografica Paige Recordings. Daniele Cortese in arte Razza Krasta, dopo le esperienze maturate nella Santacrew e con il duo pop Paola&Chiara evolve il suo genere musicale in quello che è AfteRap: Hip-Hop misto alle sonorità più varie dando vita ad un progetto davvero ricercato ed unico nel suo genere. Il nome stesso del disco è foriero di indizi “AfteRap” oltre il rap, qualcosa che vuole uscire dal binario del rap canonico per i testi e per gli arrangiamenti. Come dice Razza Krasta: “Il desiderio che mi ha spinto ad intraprendere questo disco, del tutto innovativo, è stata la voglia di contaminare il mio genere musicale preferito, il rap appunto, con stili musicali differenti. Incastrare le rime, i beat e le melodie che spaziano su piani musicali completamente diversi: Folk, Dance, Rock, Swing è stato il primo ostacolo da superare nella stesura di questo disco.” Diverse le tematiche affrontate nelle tracce che compongono “AfteRap” dal senso della vita, della morte, sentimenti veri come la rabbia, l'amore, la fiducia, raccontate a volte in maniera più ironica altre in maniera più seriosa e intrecciando il tutto tra metafore, storie vere e verosimili. Dopo il singolo Luce dal Buio, disponibile su iTunes ecco quindi che Razza Krasta torna con una Ballad che mostra l'identità di un Rapper/Produttore che guarda al futuro senza rinnegare il suo passato! Link Video: https://www.youtube.com/watch?v=R78SxGPhGUk Contatti: Fb: https://www.facebook.com/razzakrasta Twitter: https://twitter.com/RazzaKrasta Youtube: https://www.youtube.com/user/RazzaKrasta