COMUNICAZIONE: Non inviate comunicati via email (anche perchè è disattivata... momentaneamente) perchè nessuno li pubblicherà per voi. Se volete pubblicare dei contenuti su questo sito registratevi seguendo l'apposita procedura. Ognuno può pubblicare i propri contenuti ma attenzione a cosa pubblicate e come (non mettete immagini troppo grosse). Gli account che creano problemi saranno rimossi.

Vi chiediamo anche di fare attenzione a come si presenta una news. L'occhio vuole la sua parte... Aggiungete il leggi tutto.

 

Print

DAVIDE MELIS “SULLA CORSIA DEL SORPASSO”

Written by Giovanni Germanelli. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 1
IL SINGOLO “SULLA CORSIA DEL SORPASSO” ON AIR DAL 23 MARZO 2015 link videoclip: https://youtu.be/kLW52j8Ph6A “E’ una vita che sto… sulla corsia del sorpasso… guardare sempre dritto avanti e poi correre, correre” “Sulla corsia del sorpasso” è una canzone fresca e accattivante, bella da cantare ma anche da ascoltare, un testo “garbatamente arrabbiato” che racconta la voglia di emergere, di esprimersi e farsi apprezzare per ciò che siamo veramente, senza mediazioni al ribasso e furberie. Una canzone leggera, se vogliamo pop, ma di quel pop intelligente che sa raccontare le emozioni e allargare l’orizzonte coinvolgendoci in una storia che è la storia di molti, ma non di tutti. Il brano, arrangiato da Massimo Zoara leader dei B-Nario è stato prodotto al QG studio, mixato da Marco D'Agostino presso il 96 Khz di Milano e masterizzato allo Swift Mastering di Londra. E’ la frenetica rincorsa a quegli spazi e a quei riconoscimenti che pensiamo di meritare e che cerchiamo da sempre con forza e determinazione. Ed è anche il tema centrale del nuovo brano di Davide Melis, l’eclettico cantautore già vincitore del premio Lucio Battisti di Molteno. Guest star del video, nei panni del mezzobusto del TG, Luca Cassol, lo storico CAPITAN VENTOSA di STRISCIA LA NOTIZIA. La regia è del fotografo e regista santhiatese Fulvio Borro. Se la vita “è ciò che ti accade mentre sei intento a fare altro”, come diceva John Lennon, diventa quasi obbligatorio continuare a provarci, cercare la propria occasione districandosi nel traffico di una vita piena di gente in coda, gente che si ferma o che chiede strada con arroganza, in un delirio abbagliante e clacsonante dove a volte si perde il senso del rispetto delle regole e del rispetto dell’altro. Melis: “Correre dando sempre il massimo, nel rispetto dei limiti, e poi vedere che c’è sempre qualcuno che ti supera a destra o sulla corsia d’emergenza è frustrante, ma al tempo stesso ti stimola a fare sempre di più e meglio, magari cercando soluzioni originali: usare una bicicletta nel traffico o volare via su un’astronave. Per citare un grande della Formula 1, del resto, “Se tutto è sotto controllo, stai andando troppo piano” https://www.facebook.com/dmelis?fref=ts http://www.davidemelis.it/
Print

UNA live @ Marla

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
A Perugia per suonare i pezzi tratti dal suo ultimo album “Come in cielo così in terra” 2 aprile – via Bartolo, 11 – ore 22.00 – Ingresso gratuito Infoline: 347 187 8420 Nuova tappa per l’artista pugliese UNA (Marzia Stano) che con il tour di “Come in cielo così in terra”, l’ultimo album uscito lo scorso 23 settembre per MArteLabel e con il sostegno di Puglia Sounds Record, farà tappa al Marla di Perugia, il prossimo sabato 2 aprile (Via Bartolo, 11 – ore 22:00 – Infoline: 347 187 8420). Per la cantautrice pugliese, a poco più di un anno dal debutto solista con “Una Nessuna Centomila”, sarà l’occasione per presentare brani tratti dal suo nuovo progetto discografico. Dopo un fortunato tour 2014, che l'ha vista esibirsi in Europa, in città come Berlino, Bruxelles, Parigi e Lussemburgo, e dopo le ricche tappe italiane tra cui quella al Medimex di Bari (1 novembre) e al Locomotiv Club di Bologna (4 novembre), UNA si appresta ad aprire il 2015 con una serie di concerti sparsi in tutta Italia. A incorniciare questo nuovo inizio sono state alcune esibizioni in particolare: le due al Terzo Tempo Peroni Village durante le partite della nazionale italiana di Rugby, svoltesi allo Stadio Olimpico di Roma il 7 febbraio e il 15 marzo, e quella al MEI (Meeting Etichette Indipendenti), raduno che si tenuto dal 6 all’8 febbraio sempre a Roma. Le prossime date del tour la vedranno esibirsi con il suo trio, con Gianni Masci alle chitarre e Luca “Molla” Giura al basso e alle percussioni. Il progetto “Come in cielo così in terra”, promosso da PUGLIA SOUNDS EXPORT - PO FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV - INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO”, e realizzato al Gas Vintage Records di Roma, propone undici tracce nate da un sinergico lavoro di squadra che ha visto a fianco della cantautrice Daniele “Coffe” Rossi (già produttore di Niccolò Fabi e Tiromancino) come ingegnere del suono, produttore artistico e musicista, Leo Pari nei panni di supervisore dei testi e arrangiatore di alcune musiche, Gianni Masci come polistrumentista, compositore di musiche e arrangiamenti. Ogni brano è un piccolo racconto breve, come “breve” è la durata dell’esperienze descritte: lo spaesamento esistenziale, l’assenza di prospettive future della generazione cui fa riferimento, il tema della precarietà, il rapporto con la propria sessualità, il bisogno di essere amati, l’incapacità di creare legami affettivi e continuativi nel tempo, l’insicurezza e le paure che limitano le scelte di una donna, l’idiosincrasia verso il mondo sociale e la chiusura in se stessi, esasperate da una realtà sempre più effimera e dissipata. CALENDARIO TOUR (in continuo aggiornamento): 30/01 | Macerata // Premio Recanati 05/02 | Santa Maria a Vico (CE) // Smav 06/02 | Arezzo // Karemaski 07/02 | Roma // Sei Nazioni Rugby “Italia – Irlanda” 07/02 | Roma // Oscar degli Indipendenti PIVI – PIMI 14/02 | Foligno // Supersonic 15/02 | Cesena // La Cantera 20/02 | Brindisi // Binario 23 21/02 | Bari // Kabuki 27/02 | Torino // Cap 10100 – Folk Festival 28/02 | Modena // Folk Festival 07/03 | Napoli // Folk Fest 15/03 | Roma // Sei Nazioni Rugby “Italia – Francia” 27/03 | San Vito dei Normanni (Br) // Drink ‘n’ Roll 28/03 | Campobasso // Ragnarock 02/04 | Perugia // Marla 04/04 | Potenza // Civico 197 02/05 | Taranto // Gabba Gabba 15/05 |Civitavecchia (Rm) // A mi me gusta Biografia Marzia Stano in arte “UNA”, frequenta il Dams e l' Accademia di Belle Arti di Bologna, nasce a Torino ma cresce in provincia di Bari dove comincia a scrivere le sue canzoni sin da piccola. Dal 2009 lavora assieme al pianista Lucio Morelli (Max Gazzè, Paola Turci) alla scrittura del suo primo disco solista con la partecipazione strumentale di musicisti e amici come Angela Baraldi, Gianluca Bartolo (Pan del Diavolo), Gianni Masci (Jolaurlo), Giacomo Fiorenza (I Cani, Colapesce), Andrea Mancin (Giardini di Mirò). Ad Ottobre 2012 UNA vola negli States per partecipare insieme a Negrita, Subsonica, Mannarino, Mama Marjas, Boom Da Bash ed altri artisti italiani al Festival HIT WEEK. L’uscita del suo primo disco dal titolo “Una Nessuna Centomila”, anticipata dall'UNconventionAl Tour (un minitour europeo che l'ha vista esibirsi nei più importanti palcoscenici europei tra Parigi, Bruxelles e Berlino, oltre ad una anteprima italiana a Napoli e Bologna), è avvenuta a maggio 2013 per MArteLabel, con il sostegno di Puglia Sounds Record. A luglio la cantautrice pugliese si confronta con la grande tradizione della canzone d'autore italiana, proponendo una personale rivisitazione (anche in versione videoclip) de "Il lavoro", uno dei brani di maggior intensità di Piero Ciampi e che descrive perfettamente lo scenario dell'Italia moderna. Ad agosto vola a Budapest per partecipare allo Sziget Festival 2013, una delle più importanti rassegne musicali europee, insieme ad altri artisti della scuderia artistica MArteLabel (Dellera e Underdog). Nei primi di ottobre esce il suo secondo singolo “Qui ed ora”, un brano dove tra annotazione intima e osservazione del mondo i ricordi d'infanzia s'intrecciano a esperienze dell'età matura in un continuum spazio/temporale intorno al presente. Il 6 dicembre è stata tra gli headliner del Medimex 2013, il 7 si è esibita a Roma come finalista del Premio “Fabrizio de André”, ricevendo il Premio AFI 2013 – Miglior Progetto Discografico dell’anno. A gennaio 2014 riparte il suo nuovo tour, con importanti novità: ad aprile è stata impegnata con Dellera (Afterhours) in un minitour, mentre in primavera partirà con il suo nuovo progetto, un Power Trio con Gianni Masci (chitarre) e Luca “Molla” Giura (batteria e percussioni). Ha iniziato la stagione primaverile sul palco del 1 maggio a Taranto e ha portato la sua musica e la sua grinta al Roma Folk Fest il 24 maggio, prima di ultimare le registrazioni del suo nuovo lavoro in uscita a fine settembre. Il 10 giugno è uscito “#Scopamici”, il primo singolo del nuovo album. Il 17 è uscito, in anteprima su Fanpage.it il video di totalizzando in poco più di un mese 60000 visualizzazioni. Il 6 settembre esce “#Mario ti amo”: entrambi i singoli anticipano il disco “Come in cielo così in terra” in uscita il 23 settembre negli store digitali e il 30 nei negozi di dischi. Dicono di “Come in Cielo così in terra”: “È un racconto in forma di canzone, cosa che Marzia sa fare, anche se titolare il primo singolo #scopamici sa di furbata (così come il namecheck dell’Oroscopo di Internazionale), comunque la sua piccola voce (non viscerale alla Carmen Consoli) sa guidare l’ascoltatore dell’album Come in Cielo così in Terra in una vita che sa di vero e di oggi.” – Internazionale “Una, alias Marzia Stano, è una sorta di Gianna Nannini in versione indie, con testi schiettissimi, e molto coraggio nell’impianto musicale (Antiselfie è addirittura heavy metal). L’album è ben suonato e gradevole, ma ha un taglio troppo esplicito: quel che gli manca è proprio quel senso di mistero che lo renderebbe più poetico.” – Blow Up “Easy listening e linguaggio diretto dallo sguardo contemporaneo per un disco che è l’apice del pop inteso come presa facile, come concetti e suoni buoni un po’ per tutti, gradevole nelle sue declinazioni folk, negli spunti rock, nel suo camminare curato e ben arrangiato.” - RockIt “C’è molto di lei in questo suo nuovo disco, c’è molto di donna e delle sue purezze d’intento, c’è molto di bellezza e di quella personalità indomita che questa grazia umorale trasmette durante il running della tracklist, […] rappresenta un cosmo particolarissimo, una finestra spalancata ed un punto d’incontro tra sogno e realtà e, appunto, tra cielo e terra. UNA…personalità da vendere!” – FreakOut Magazine “Mi ricordo il titolo di questo disco di Una, Come In Cielo Così In Terra, e ho un’illuminazione talmente forte che mi commuovo di fronte all’armoniosa generosità della natura, che raccoglie le nostre parole già prima che si formulino nelle nostre menti e comincia a darsi da fare per aiutarci, pur sapendo che noi quasi sempre non la percepiamo, non la sentiamo, non la guardiamo… non la comprendiamo.” – Ithink Magazine “Non è tempo per le canzonette e Una, autrice ormai matura, lo sa bene e ci racconta, sì, storie semplici e universali, ma andando a scegliere personaggi e contesti che sanno fare la differenza. […] Le piccole rivoluzioni culturali, o semplicemente le piccole resistenze quotidiane, passano anche da queste canzoni: leggere nella forma, pungenti nella sostanza. Di ciò bisogna darne merito. Una, prima o poi, diventerà Qualcuna.” – Shiver “Se col primo album Marzia aveva cantato in primis il proprio io lirico, mettendo in scena una serie di vicende, ritagli di storie presenti, passate e sull’orlo dell’archivio, il nuovo album raccoglie vicende che non la vedono necessariamente come protagonista principale ma, piuttosto, un’uditrice esterna, una spettatrice di situazioni che trovano nel disco una sistemazione organica. Così in cielo così in terra è un album schietto, generazionale e inquieto: undici racconti suonati all’ombra del folk mediterraneo.” – IndieEye MArteLabel
Print

“Never Say Goodbye” in Radio il nuovo singolo di Maria Morelli

Written by GIULIO. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Never Say Goodbye è il debutto italiano di Maria Morelli, ventiduenne cantante italo-rumena che, nel paese in cui studia e vive (Maria è infatti prossima alla Laurea in giurisprudenza) è già un personaggio Televisivo e Radiofonico. Never Say Goodbye è anche il primo singolo tratto dall’album “The Way I Feel” che in Romania è stato già diverse settimane in classifica nel 2014. Nonostante l’impostazione pop del brano, i grandi amori musicali di Maria sono Amy Winehouse, Skin, ma anche le sue colleghe italiane Emma e Giorgia, delle quali nelle sue serate esegue diversi brani. Maria Morelli che, oltre all’italiano e al rumeno, parla correttamente altre tre lingue tra cui l’inglese e lo spagnolo, vede nell’Italia un banco di prova serio e impegnativo dal quale ricavare gli input necessari per costruire un repertorio davvero in linea con il main stream internazionale, senza per questo tradire la sue ascendenze italiane, alle quali si sente profondamente legata. Il prossimo passo nella carriera sarà una produzione concepita totalmente in Italia con brani estremamente selezionati e scritti da autori che le possano garantire quel valore aggiunto che la sua voce merita. Maria Morelli – note biografiche Maria Morelli nasce a Brasov in Transilvania il 19 gennaio del 1993 Attualmente frequenta la Facoltà di Diritto all’Università della Transilvania a BRASOV (RO) e ha in preparazione la tesi di laurea All’età di 17 ani ha iniziato a prendere lezioni di canto a Brasov e quindi a Bucarest, partecipando quasi immediatamente a diversi concorsi nazionali e internazionali, classificandosi sempre nelle primissime posizioni. Dopo la pubblicazione del primo album lo scorso anno, ha svolto un’intensa attività promozionale partecipando a numerosi show televisivi sulle principali reti nazionali. Nello stesso periodo il suo album è entrato in classifica e il singolo “Never Say Goodbye” ha ottenuto un’ottima rotazione su radio locali e network. Press, radio, Tv Agency DCOD Communication This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Print

Gli Scontati doppio concerto in Sardegna

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Lorenzo Kruger e Giacomo Toni tornano con “Gli Scontati”: concerto omaggio a Paolo Conte 2 aprile – Teatro Minimax – Cagliari – Via De Magistris, 12 Inizio concerto ore 22:00 – Open act: Federico Braschi 3 aprile – Vecchio Mulino – Sassari – Via Frigaglia, 5 – Inizio concerto ore 22:00 – Open act: Federico Braschi – Infoline: 079 492 0324 Due nuove tappe per la tournée, iniziata a febbraio, de Gli Scontati, progetto artistico sotto forma di concerto omaggio a Paolo Conte, nato da una sfida musicale tra Lorenzo Kruger e Giacomo Toni, voce e piano di questo duo. Dopo il fortunato debutto del 2011 (anno in cui maturò il progetto) e il tour nei club del 2014, il duo ritorna nuovamente sul palcoscenico: le prossime date de Gli Scontati si terranno: - giovedì 2 aprile presso il Teatro Minimax di Cagliari (via De Magistris, 12 – start ore: 22:00 – Open act: Federico Braschi). - venerdì 3 aprile presso il Vecchio Mulino di Sassari (via Frigaglia, 5 – start ore: 22:00 – Open act: Federico Braschi – Infoline: 079 492 0324). Provenienti da esperienze live molto coinvolgenti, Lorenzo Kruger e Giacomo Toni sono intrattenitori senza scrupoli che hanno scelto le canzoni più "scontate" e famose del maestro piemontese. Una scaletta votata ai brani più scarni e ritmici, la Topolino Amaranto, Bartali, Wanda, Azzurro, con digressioni occasionali sui ritmi più dolci di grandi testi come Genova per noi, Colleghi trascurati o Via con me. Gli Scontati delineano un'immagine scanzonata ed insolita di Paolo Conte. C'è la voglia di lasciarsi andare al bizzarro, il bisogno di addentrarsi nella grande poesia dello chansonnier italiano per eccellenza. «Eravamo nell'enoteca sotto casa mia, dove nella parete di fondo è sistemato un bel pianoforte a muro. Una sera io e Giacomo dopo qualche bottiglia di sangiovese iniziamo una sfida di pezzi al piano, il territorio su cui ci sfidavamo era appunto il repertorio di Conte. Dopo diversi scambi, sia noi che il pubblico di amici convenimmo che io cantavo molto bene i pezzi, ma che Giacomo li suonava molto meglio di me. Dopo altre due bottiglie di sangiovese avevamo già messo in piedi Gli Scontati» Lorenzo Kruger www.gliscontati.eu/ Tour 2015 (in continuo aggiornamento) 28 marzo – Villanova – Pulsano (Ta) 29 marzo – Dopolavoro – Brindisi 02 aprile – Teatro Minimax – Cagliari 03 aprile – Vecchio Mulino – Sassari 10 aprile – 100Dieci – Perugia 11 aprile – Enoteca – Lunano (PU) LORENZO KRUGER Lorenzo Kruger è il cantante dei Nobraino, nota indie-band italiana, con la quale ha pubblicato nel 2014 il quinto album, L’ultimo dei Nobraino. A questa esperienza il nostro deve la maturazione di tutti i suoi aspetti artistici. La scrittura autorale e la continua ricerca di uno stile personale si sono unite alle istanze sceniche dello spettacolo rock. Alla grande passione per la buona forma verbale si è aggiunto quindi l'istrionismo del rocker, un connubio che dopo centinaia di concerti, passando dai club ai teatri, dalle piazze alla tv, ha dato vita ad uno stile interpretativo di sicuro impatto scenico. GIACOMO TONI Giacomo Toni è, per una serie di circostanze casuali, autore cantante e pianista. Dal 2005 è il leader della ‘900 Band, con la quale ha debuttato nel 2013 con “Musica per Autoambulanze” (MArteLabel), suo primo progetto solista. È legato alla sperimentazione letteraria e musicale e alla ricerca di un’interpretazione che vuole conciliare la raffinatezza alla volgarità, come l’armonia alla dissonanza. E’ stato vincitore di premi a livello nazionale per la canzone d’autore italiana, partecipando ad importanti manifestazioni musicali, dall’HitWeek Festival di Miami a Il Tenco Ascolta a Casa Sanremo. MArtePress
Print

Geo from Hell super ospite da Minimarket, sabato 28 il party per la nuova collezione

Written by Luca Bramanti. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Geo from Helll, il richiestissimo dj vincitore del talent di Sky Uno Top Dj sarà il super ospite sabato 28 presso Minimarket di via Sigismondo Pandolfo Malatesta. Durante l’evento a partire dalle ore 17 saranno presentate le nuove collezioni scelte e realizzate da Minimarket per offrire ai propri clienti il meglio della moda urban per la stagione primavera/estate. Il famoso concept store, punto di riferimento per gli appassionati di abbigliamento e accessori streetwear d’avanguardia, ha dato il kick off ufficiale alla nuova stagione primavera/estate con uno special party con il dj più richiesto del momento. DJ Mag l’ha definito “dancefloor destroyers”, in Germania, Belgio, Olanda, e Francia Geo From Hell è già una star. Questo è in due righe Andrea Georgiou aka Geo From Hell, dj producer italiano di origini greche, una miscela esplosiva di electro e sintetizzatori analogici. Nel 2011 si è esibito al festival più famoso del mondo, il Tomorrowland, dove ha condiviso il Versuz Stage con Sharam, Joachim Garraud, John Dahlback e Hardwell. Nel 2012 fonda la sua etichetta discografica, la Hell Records. Le sue produzioni sono regolarmente suonate nei festival e nei club di tutto il mondo. La soddisfazione più grande è targata 2014, quando vince la prima edizione del celebre programma tv Top Dj su Sky Uno HD selezionato grazie al voto di tre giudici d'eccezione: Albertino, Stefano Fontana e Lele Sacchi. Da poco ha pubblicato il suo primo singolo per Sony dal titolo Confusion, un brano electro pop in rotazione nelle principali radio italiane e molto apprezzato anche da Radio Deejay e Radio 105. Al termine del dj set sarà possibile incontrare l’artista in un meet and greet con foto e autografi. Drink omaggio per i partecipanti a cura del celebre club riminese BekyBay. Sabato 28 marzo Minimarket Superstore Ore 17 Via Sigismondo Pandolfo Malatesta, 17/19 - Rimini Ingresso Libero Infoline 3332465191
Print

UNA live @ Ragnarok

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
A Campobasso per suonare i pezzi tratti dal suo ultimo album “Come in cielo così in terra” 28 marzo – Viale del Castello, 60 – ore 23.00 Ingresso gratuito – Infoline: 346 8256374 Nuova tappa per l’artista pugliese UNA (Marzia Stano) che con il tour di “Come in cielo così in terra”, l’ultimo album uscito lo scorso 23 settembre per MArteLabel e con il sostegno di Puglia Sounds Record, farà tappa al Ragnarok di Campobasso, il prossimo sabato 28 marzo (Viale del Castello, 60 – ore 23:00 – Ingresso gratuito – Infoline: 346 8256374). Per la cantautrice pugliese, a poco più di un anno dal debutto solista con “Una Nessuna Centomila”, sarà l’occasione per presentare brani tratti dal suo nuovo progetto discografico. Dopo un fortunato tour 2014, che l'ha vista esibirsi in Europa, in città come Berlino, Bruxelles, Parigi e Lussemburgo, e dopo le ricche tappe italiane tra cui quella al Medimex di Bari (1 novembre) e al Locomotiv Club di Bologna (4 novembre), UNA si appresta ad aprire il 2015 con una serie di concerti sparsi in tutta Italia. A incorniciare questo nuovo inizio sono state alcune esibizioni in particolare: le due al Terzo Tempo Peroni Village durante le partite della nazionale italiana di Rugby, svoltesi allo Stadio Olimpico di Roma il 7 febbraio e il 15 marzo, e quella al MEI (Meeting Etichette Indipendenti), raduno che si tenuto dal 6 all’8 febbraio sempre a Roma. Le prossime date del tour la vedranno esibirsi con il suo trio, con Gianni Masci alle chitarre e Luca “Molla” Giura al basso e alle percussioni. Il progetto “Come in cielo così in terra”, promosso da PUGLIA SOUNDS EXPORT - PO FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV - INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO”, e realizzato al Gas Vintage Records di Roma, propone undici tracce nate da un sinergico lavoro di squadra che ha visto a fianco della cantautrice Daniele “Coffe” Rossi (già produttore di Niccolò Fabi e Tiromancino) come ingegnere del suono, produttore artistico e musicista, Leo Pari nei panni di supervisore dei testi e arrangiatore di alcune musiche, Gianni Masci come polistrumentista, compositore di musiche e arrangiamenti. Ogni brano è un piccolo racconto breve, come “breve” è la durata dell’esperienze descritte: lo spaesamento esistenziale, l’assenza di prospettive future della generazione cui fa riferimento, il tema della precarietà, il rapporto con la propria sessualità, il bisogno di essere amati, l’incapacità di creare legami affettivi e continuativi nel tempo, l’insicurezza e le paure che limitano le scelte di una donna, l’idiosincrasia verso il mondo sociale e la chiusura in se stessi, esasperate da una realtà sempre più effimera e dissipata. CALENDARIO TOUR (in continuo aggiornamento): 30/01 | Macerata // Premio Recanati 05/02 | Santa Maria a Vico (CE) // Smav 06/02 | Arezzo // Karemaski 07/02 | Roma // Sei Nazioni Rugby “Italia – Irlanda” 07/02 | Roma // Oscar degli Indipendenti PIVI – PIMI 14/02 | Foligno // Supersonic 15/02 | Cesena // La Cantera 20/02 | Brindisi // Binario 23 21/02 | Bari // Kabuki 27/02 | Torino // Cap 10100 – Folk Festival 28/02 | Modena // Folk Festival 07/03 | Napoli // Folk Fest 15/03 | Roma // Sei Nazioni Rugby “Italia – Francia” 27/03 | San Vito dei Normanni (Br) // Drink ‘n’ Roll 28/03 | Campobasso // Ragnarock 02/04 | Perugia // Marla 04/04 | Potenza // Civico 197 02/05 | Taranto // Gabba Gabba 15/05 |Civitavecchia (Rm) // A mi me gusta Biografia Marzia Stano in arte “UNA”, frequenta il Dams e l' Accademia di Belle Arti di Bologna, nasce a Torino ma cresce in provincia di Bari dove comincia a scrivere le sue canzoni sin da piccola. Dal 2009 lavora assieme al pianista Lucio Morelli (Max Gazzè, Paola Turci) alla scrittura del suo primo disco solista con la partecipazione strumentale di musicisti e amici come Angela Baraldi, Gianluca Bartolo (Pan del Diavolo), Gianni Masci (Jolaurlo), Giacomo Fiorenza (I Cani, Colapesce), Andrea Mancin (Giardini di Mirò). Ad Ottobre 2012 UNA vola negli States per partecipare insieme a Negrita, Subsonica, Mannarino, Mama Marjas, Boom Da Bash ed altri artisti italiani al Festival HIT WEEK. L’uscita del suo primo disco dal titolo “Una Nessuna Centomila”, anticipata dall'UNconventionAl Tour (un minitour europeo che l'ha vista esibirsi nei più importanti palcoscenici europei tra Parigi, Bruxelles e Berlino, oltre ad una anteprima italiana a Napoli e Bologna), è avvenuta a maggio 2013 per MArteLabel, con il sostegno di Puglia Sounds Record. A luglio la cantautrice pugliese si confronta con la grande tradizione della canzone d'autore italiana, proponendo una personale rivisitazione (anche in versione videoclip) de "Il lavoro", uno dei brani di maggior intensità di Piero Ciampi e che descrive perfettamente lo scenario dell'Italia moderna. Ad agosto vola a Budapest per partecipare allo Sziget Festival 2013, una delle più importanti rassegne musicali europee, insieme ad altri artisti della scuderia artistica MArteLabel (Dellera e Underdog). Nei primi di ottobre esce il suo secondo singolo “Qui ed ora”, un brano dove tra annotazione intima e osservazione del mondo i ricordi d'infanzia s'intrecciano a esperienze dell'età matura in un continuum spazio/temporale intorno al presente. Il 6 dicembre è stata tra gli headliner del Medimex 2013, il 7 si è esibita a Roma come finalista del Premio “Fabrizio de André”, ricevendo il Premio AFI 2013 – Miglior Progetto Discografico dell’anno. A gennaio 2014 riparte il suo nuovo tour, con importanti novità: ad aprile è stata impegnata con Dellera (Afterhours) in un minitour, mentre in primavera partirà con il suo nuovo progetto, un Power Trio con Gianni Masci (chitarre) e Luca “Molla” Giura (batteria e percussioni). Ha iniziato la stagione primaverile sul palco del 1 maggio a Taranto e ha portato la sua musica e la sua grinta al Roma Folk Fest il 24 maggio, prima di ultimare le registrazioni del suo nuovo lavoro in uscita a fine settembre. Il 10 giugno è uscito “#Scopamici”, il primo singolo del nuovo album. Il 17 è uscito, in anteprima su Fanpage.it il video di totalizzando in poco più di un mese 60000 visualizzazioni. Il 6 settembre esce “#Mario ti amo”: entrambi i singoli anticipano il disco “Come in cielo così in terra” in uscita il 23 settembre negli store digitali e il 30 nei negozi di dischi. Dicono di “Come in Cielo così in terra”: “È un racconto in forma di canzone, cosa che Marzia sa fare, anche se titolare il primo singolo #scopamici sa di furbata (così come il namecheck dell’Oroscopo di Internazionale), comunque la sua piccola voce (non viscerale alla Carmen Consoli) sa guidare l’ascoltatore dell’album Come in Cielo così in Terra in una vita che sa di vero e di oggi.” – Internazionale “Una, alias Marzia Stano, è una sorta di Gianna Nannini in versione indie, con testi schiettissimi, e molto coraggio nell’impianto musicale (Antiselfie è addirittura heavy metal). L’album è ben suonato e gradevole, ma ha un taglio troppo esplicito: quel che gli manca è proprio quel senso di mistero che lo renderebbe più poetico.” – Blow Up “Easy listening e linguaggio diretto dallo sguardo contemporaneo per un disco che è l’apice del pop inteso come presa facile, come concetti e suoni buoni un po’ per tutti, gradevole nelle sue declinazioni folk, negli spunti rock, nel suo camminare curato e ben arrangiato.” - RockIt “C’è molto di lei in questo suo nuovo disco, c’è molto di donna e delle sue purezze d’intento, c’è molto di bellezza e di quella personalità indomita che questa grazia umorale trasmette durante il running della tracklist, […] rappresenta un cosmo particolarissimo, una finestra spalancata ed un punto d’incontro tra sogno e realtà e, appunto, tra cielo e terra. UNA…personalità da vendere!” – FreakOut Magazine “Mi ricordo il titolo di questo disco di Una, Come In Cielo Così In Terra, e ho un’illuminazione talmente forte che mi commuovo di fronte all’armoniosa generosità della natura, che raccoglie le nostre parole già prima che si formulino nelle nostre menti e comincia a darsi da fare per aiutarci, pur sapendo che noi quasi sempre non la percepiamo, non la sentiamo, non la guardiamo… non la comprendiamo.” – Ithink Magazine “Non è tempo per le canzonette e Una, autrice ormai matura, lo sa bene e ci racconta, sì, storie semplici e universali, ma andando a scegliere personaggi e contesti che sanno fare la differenza. […] Le piccole rivoluzioni culturali, o semplicemente le piccole resistenze quotidiane, passano anche da queste canzoni: leggere nella forma, pungenti nella sostanza. Di ciò bisogna darne merito. Una, prima o poi, diventerà Qualcuna.” – Shiver “Se col primo album Marzia aveva cantato in primis il proprio io lirico, mettendo in scena una serie di vicende, ritagli di storie presenti, passate e sull’orlo dell’archivio, il nuovo album raccoglie vicende che non la vedono necessariamente come protagonista principale ma, piuttosto, un’uditrice esterna, una spettatrice di situazioni che trovano nel disco una sistemazione organica. Così in cielo così in terra è un album schietto, generazionale e inquieto: undici racconti suonati all’ombra del folk mediterraneo.” – IndieEye MArteLabel
Print

Moustache Prawn live @ Mangianastri

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
La band sarà protagonista a Bari con i brani della loro ultima pubblicazione discografica 28 marzo – Alberobello (BA) – Contrada Pudicino, 16 – Ingresso da Via E. Acquaviva – ore 21.30 Continua il ricco tour dei Moustache Prawn, una nuova serie di date con il quale si esibiranno in tutta Italia con il loro nuovo disco “Erebus”, uscito lo scorso 24 febbraio. Dopo la data zero nella loro città natale, Fasano, e quella al Contestaccio di Roma, il prossimo concerto del gruppo si terrà sabato 28 marzo al Mangianastri di Alberobello, in provincia di Bari, (Contrada Pudicino, 16 – Ingresso da Via E. Acquaviva – ore 21:30). Il trio rock pugliese suonerà i brani della loro ultima fatica discografica, “Erebus”, uscito il 24 febbraio, risultato di un lungo processo creativo e della collaborazione produttiva delle etichette Piccola Bottega Popolare e MArteLabel. Inoltre i Moustache Prawn sono entrati ufficialmente nel roster MArteLabel (l’etichetta che ha prodotto tra gli altri Nobraino, Management del Dolore Post-Operatorio, Dellera e UNA), ricevendo il premio “Band Rivelazione MArteLive”, premio speciale assegnato tra gli artisti partecipanti al contest UnPalcoperTutti – MarteLive. “Erebus” è un disco complesso, una storia di fantasia, una dichiarazione di impegno sociale, un grido di protesta e sopratutto tutte queste cose contemporaneamente. Nonostante la pretesa non fosse quella di creare un "opera", i legami che ci sono tra storia e brani, tra testi e musica lo rendono certamente un "concept album”, con una narrazione ed una filosofia assolutamente personali. Il racconto narra le avventure di tre schiavi che lavorano per alcuni scienziati nelle Isole di Kerguelen, nei pressi del Circolo Polare Antartico. Gli scienziati operano in totale segretezza e cercano di modificare l’habitat naturale degli esseri viventi, compresi gli umani, variando alcune delle loro caratteristiche fisiche ed ambientali. Un giorno però, dal nulla, appare un’altra isola a qualche chilometro di distanza dalla scogliera, un evento che genera il caos: alcuni animali tentano la fuga, i sistemi di allarme impazziscono, e così via. I tre schiavi saranno catapultati sull’isola per far luce sul mistero. Si scoprirà che al suo interno vi abitano degli esseri chiamati Skratz, abitanti del nucleo terrestre da tempo immemore e regolatori dell’equilibrio climatico (e non solo) sulla Terra. Attraverso un piano geniale e l’aiuto dei tre schiavi, che dovranno scalare il Monte Erebus al fine di aiutare un anziano guardiano, essi proveranno a liberare le Isole di Kerguelen dagli scienziati e a riportare la normalità nell’arcipelago. Moustache Prawn I Moustache Prawn nascono nell’estate 2008. I tre cominciano a suonare insieme quando Leo ha 17 anni e Giancarlo e Ronny appena 15, ispirandosi ad artisti come Nirvana, Sonic Youth, CCCP, The Cure, Kyuss. Successivamente, fortemente influenzati da sonorità post-punk, iniziano a comporre brani propri sotto il nome di Distopia. Nei due anni che seguono, il loro sound si orienta verso il rock e il brit-pop, ispirati da Radiohead, Arctic Monkeys, Interpol, John Spencer Blues Explosion; intanto Leo vince una borsa di studio a seguito della partecipazione a un concorso di letteratura. Nel 2010 decidono di comporre brani in lingua inglese e la band assume la veste attuale: nascono così i Moustache Prawn. Nel 2011 si iscrivono al concorso Italia Wave, partecipano e vincono le selezioni provinciali a Brindisi ed accedono a quelle regionali, che vinceranno alle Officine Cantelmo a Lecce nell'aprile 2011.Questo importante risultato servirà da trampolino di lancio per la band che comincia ad esibirsi in numerosi locali della Puglia e viene invitata come ospite in eventi e contest di rilievo regionale. Condividono il palco con artisti come Hugo Race, Diaframma e La Fame di Camilla. Nello stesso anno Rockit segnala la band tra le 13 band rivelazione dell’anno e inserisce il brano “Crucus” (ancora inedito) nella Compilation n.34. A novembre 2011 la band conclude la registrazione del suo primo disco “Biscuits”.Rockit, particolarmente colpito dal progetto, inserisce il brano “Crucus” (ancora inedito) nella Compilation n.34 .La band partecipa anche al Trofeo Rockit, vincendo le prime selezioni. Dall’inverno 2011 la band lavora con l'etichetta pugliese Piccola Bottega Popolare per la pubblicazione e il lancio dell'album che uscirà a Giugno 2012 col sostegno di Puglia Sounds. Nello stesso anno arrivano le prime date estere al White Trash di Berlino, al Reeperbahn Festival 2012 di Amburgo. Nel 2013 i Moustache riescono a qualificarsi tra i 48 semifinalisti dell'1'MFestival per suonare sul palco del Concertone del Primo Maggio a Romae e riescono a esibirsi in club come il Circolo degli Artisti di Roma, l'Espace Populaire di Aosta, il Club56 di Milano, le Lavanderie Ramone di Torino, il club Hoxton Square di Londra durante Puglia Sounds in London 2013. Nel 2014 accedono ad altri importanti palcoscenici come il Collisioni Festival, il Villa Ada Festival, la Biennale Marte Live, il Liverpool Sound City 2014. A Febbraio 2015 esce “Erebus” il nuovo album di Moustache Prawn, una coproduzione tra Piccola Bottega Popolare e MarteLabel che li inserisce anche nel proprio roster booking. Leo Ostuni: chitarra elettrica e voce Ronny Gigante: basso elettrico, voce Giancarlo Latartara: batteria, cori SITO WEB www.moustacheprawn.com FACEBOOK www.facebook.com/MoustachePrawn MYSPACE www.myspace.com/MoustachePrawn YOUTUBE www.youtube.com/user/MoustachePrawn TWITTER www.twitter.com/MoustachePrawn SOUNDCLOUD www.soundcloud.com/MoustachePrawn MArteLabel
Print

Olden – A letto presto Tour 2015 in Umbria

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Doppia tappa in Umbria del nuovo tour del cantautore 27 marzo – Febo – Via G. Michelangeli, 7 – Località: Orvieto – Start ore 21:00 – Infoline: 0763 341057 28 marzo – La Feltrinelli – Corso Vannucci, 78 – Località: Perugia – Start ore 16:00 – Infoline: 199 151173 28 marzo – Urban Club – Via Manna, 97 – Località: Perugia – Opening act a Colapesce – Ingresso 10,00€ intero – Ore 23:00 – Infoline: 075 5288591 A partire da marzo torna in Italia Davide Sellari, in arte Olden, per portare in scena il suo A Letto Presto Tour 2015, una serie di appuntamenti live con i quali presentare “Sono andato a letto presto”, il secondo disco del cantautore perugino, uscito lo scorso 20 novembre. Le prossime date si terranno nella sua regione. Nello specifico il 27 marzo si esibirà presso il Febo di Orvieto (Via G. Michelangeli, 7 – Start ore 21:00 – Infoline: 0763 341057), mentre il 28 marzo, a precedere il suo concerto di apertura a Colapesce presso l’Urban di Perugia (Via Manna, 97 – Ingresso 10,00€ intero – Start ore 23:00 – Infoline: 075 5288591), ci sarà una presentazione ufficiale del disco alla Feltrinelli (Corso Vannucci, 78 – Start ore 16:00 – Infoline: 199 151173). Durante l’evento è previsto anche un mini live (chitarra e voce) durante il quale Olden intonerà alcune canzoni tratte dal suo ultimo album. Pensato e scritto a Barcellona dove l’artista vive da 7 anni e registrato presso il Wildflower Studio di Lorenzo Sementilli, “Sono andato a letto presto” è un album composto da 11 nuove canzoni che, a differenza del precedente, sono scritte interamente in Italiano e vantano collaborazioni importanti come quella di Juan Carlos "Flaco" Biondini (storico chitarrista di Francesco Guccini) e Sergio Reggioli (violinista dei Nomadi). TOUR 2015 (in continuo aggiornamento) 5 marzo | Tinta Roja – Barcellona 21 marzo | Plaz Florence – Firenze 22 marzo | Bad King – Perugia 24 marzo | Na Cosetta – Roma 26 marzo | Piano B – Napoli 25 marzo | Freedom – Coreno Ausonio (Fr) 27 marzo | Febo – Orvieto 28 marzo | Urban Live Club (Opening Colapesce) – Perugia 3 maggio | Tre Alberi Cafè – Arma di Taggia (Im) 6 maggio | Circolo Maite – Bergamo 8 maggio | Giardini Luzzati – Genova 9 maggio | L’Isola Ritrovata – Alessandria 10 maggio | Le Mura – Roma Credits: Tutte le canzoni sono state scritte da Olden Prodotto da Olden e Lorenzo Sementilli Registrato presso Wildflower Studio Editing & Mixing: Daniele Benevieri e Lorenzo Sementilli Pianoforti registrati presso Umbria Music Center di Stefano Zavattoni Mastering: Francesco Palazzetti - Big Tune Studio Distribuzione: Goodfellas Foto: Juanma Vive Progetto grafico: Ana Gil Immagini grafiche: Bashcorpo Olden - voce, chitarra acustica e ukelele Lorenzo Sementilli - chitarra elettrica, chitarra acustica Francesco Miceli - batteria e percussioni Carlo Bianconi - basso Marcello Lupoi - pianoforte Riccardo Maccabruni - fisarmonica Antonello Migliosi - tromba Con l’eccezionale partecipazione di: Juan Carlos “Flaco” Biondini - chitarre in “Perla Nera” Sergio Reggioli - violini in “La casa che non c’e’” Un ringraziamento speciale a “cousin” Mattia Meattelli per il basso in “Un Successone” e a Ulrich Sandner per i mandolini in “Febbraio” e “Senatore Bailey” LINK UTILI Sito : oldenmusica.com Facebook: www.facebook.com/oldenmusic Youtube: www.youtube.com/user/lennonino Reverbnation: www.reverbnation.com/olden Rassegna stampa BIOGRAFIA Nasce a Perugia nel 1978 ma vive da anni a Barcellona. Nel 2011 è uscito il suo primo album omonimo, cantato in inglese. Una voce calda e potente, questa è la nota distintiva di Olden, il cui vero nome è Davide Sellari. Cresciuto con i "favolosi anni 60", tramandati dai "mangiacassette" di casa a 17 anni fonda a Perugia la sua prima band, i Roarr, che poi diventeranno (con qualche cambio di formazione), gli Zonaplayd ed infine i Figli di John. Durante questi anni sono tante le esperienze sui palchi, anche importanti (Festa del Primo Maggio a Perugia, Rock Targato Italia, Arezzo Wave, Festival di San Marino, Tim Tour). Nel gennaio del 2008 Davide decide di cambiare e di partire andando a Barcellona dove matura l'idea di costruire un progetto solista, sotto il nome di Olden e nel 2012 il primo album solista prodotto dall'etichetta catalana Daruma Records che ottiene subito un ottime recensioni ed il singolo "Jim & Jane" viene trasmesso da molti network italiani, tra cui Radio 2 che, all'interno di Caterpillar darà molto spazio alla nuova proposta discografica di Olden. Nel frattempo Davide continua a scrivere (come sempre ha fatto) ma tornando di nuovo alla sua lingua "materna", l'italiano, pensando che sia in fondo la maniera migliore per comunicare e diffondere la propria musica. A Barcellona Olden inizia a partecipare a dei piccoli eventi musicali organizzati dalla "comunità italiana" di Barcellona, entrando in contatto con Radio Contrabanda (unica e ultima radio libera di Barcellona) e il "connazionale" Steven Forti, organizzatore di eventi e conduttore della trasmissione "Zibaldone", programma radiofonico in italiano "ma non solo per italiani". Nel 2013 viene ingaggiato per far parte del cast di uno spettacolo musicale dedicato alle "canzoni anarchiche" ed in particolare alla memoria del martire Salvador Puig Antich, un anarchico catalano tristemente famoso per essere stato l'ultimo giustiziato tramite "garrota", nel 1974. In "Canzoni d'Amore e d'Anarchia", Olden duetta con Joan Isaac, canta "La canzone del maggio" di De André, "Addio lugano bella" ed altre canzoni della tradizione anarchica europea. Insieme ad Olden si esibiscono artisti come Juan Carlos Biondini, Vittorio De Scalzi, Beppe Voltarelli, Joan Isaac e tanti altri. Frequenti sono nel 2014 le sue collaborazioni con Cose di Amilcare ed è proprio durante le registrazioni del nuovo disco che viene comunicata un'importante notizia: farà parte del cast del prossimo Premio Tenco. Il 20 novembre esce il suo secondo album “Sono andato a letto presto” dove canta unicamente in italiano. Dicono di “Sono andato a letto presto” “A parte i prestiti cineletterari di spessore (e il chitarrista di Guccini, e il violinista dei Nomadi), questa è una voce vera, ben strutturata, con riflessi rossi e retrogusti di Tenco” – Internazionale “Il giovane Holden di Salinger è stato il primo grande eroe letterario della mia adolescenza, e rappresenta ancora oggi un eroe anticonvenzionale nel quale mi riconosco. Togliendo l’H, resta OLDEN, che ricorda anche il significato di “antico”, “passato.” “– IlFattoQuotidiano.it “Nel resto del disco affiorano tratti del De Gregori anni 80, di Gaber (entrambi sempre come vocalità) o del De André buboliano di “Rimini” (ascoltare “Febbraio”: ricorda il brano citato perfino in armonia e melodia dell’apertura, ma poi migra nei territori tipici di Gino Paoli), per una cifra espressiva che si muove decisamente nel solco più consolidato della canzone d’autore.” – RockIt “Una scrittura e una bontá generale superiori alla media. […] scatena emozioni vere, tali da abbattere qualsiasi resistenza" – Buscadero “C’è anche qualcosa di De Andrè (Febbraio) e il De Gregori (Bonnie) nelle corde del perugino trapiantato a Barcellona, anche se i riferimenti, in questo caso, sminuiscono una scrittura che davvero non ha bisogno di comparazioni scomode.” - SentireAscoltare “Sono andato a letto presto è il disco di un cantautore maturo, dalla voce splendida e sicura, che racconta storie nate da incontri più o meno casuali, quegli incontri che a volte ci cambiano la vita, in cui ognuno di noi può riconoscersi, con una capacità di scrittura notevole.” – Storia della Musica “Una voce calda e potente, questa è la nota distintiva di Olden, il cui vero nome è Davide Sellari.” – MarieClaire.it “Basta poco per fare un gran disco, arrangiamenti scarni, una voce in primo piano, la chitarra acustica a tenere il ritmo e tutto il resto è poesia. […] Tutte le tracce sono racconti, di una vita normale, che siamo noi giorno dopo giorno, come ci insegna Davide, a renderla straordinaria. Un disco di colori e di luce, un disco di lunghi addii e di vita.” – IndieperCui “Di una creatività fervida, nel quadro della quale Olden riesce a sviluppare e fissare storie quotidiane, comuni, generali, ma anche profonde, intimistiche, personali. Si tratta di un disco che rinfresca un patrimonio condiviso di suoni, di atmosfere, di temi, oltre che di forme.” – BlogFoolk “Ogni secondo nasce un fiore/ma tu hai sempre altro da fare/guardi altrove e te ne vai/passa accanto a te l’amore, ma tu non lo riconosci” canta Olden con disillusione, e ritrae spietatamente la fretta e la superficialità di questi tempi moderni.” – Audiofollia “I brani, tutti vari e allo stesso tempo legati da un filo comune quale l’ironia, il sarcasmo e la romanticità, spaziano dalle ballad più leggere a quella intimiste, e potranno sicuramente soddisfare gusti diversi.” - ClapBands “La nuova opera di Davide Sellari, profondamente legata alla tradizione cantautorale italiana (De Gregori, De Andrè, Guccini e molto altro), scivola sinuosa tra melodie sempre morbide e ammiccanti, guidando l’ascoltatore lungo un percorso fatto prevalentemente di malinconia, introspezione e amare riflessioni (un ruolo importante hanno i testi).” – Iyezine “Un pop a tratti retrò, cantautorale in ogni suo cm quadrato, in altri disilluso ma fresco, un crescendo di punti fermi e atmosfere immerse in “aperture” avvincenti, con lontani profili sognanti, d’altri posti immaginari e vissuti come in una conchiglia che si apre per mostrare i suoi teneri e melanconici segreti d’amore, e di vita.” – Shiver “Insomma, per capirci, il suono è quello giusto, quello che non si sente più, in un disco italiano. Poi ci sono le canzoni, belle, spesso, che Davide, come dicevo, canta con voce aperta, sicura e convincente, cosa che spesso deficita in altri cantautori italiani più o meno emergenti. A tratti ricorda la malinconia di Tenco, spesso il De Gregori di "Atlantide" e di quei dischi là.” – BlackDogsandWaltzes MArtePress
Print

Movida in concerto a Torino

Written by erica. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
“Contro ogni tempo” 20th Anniversary Nuova tappa del tour che ripropone dal vivo una delle pietre miliari dell’alternative rock made in Italy Lavanderie RAMONE – Via Claudio Luigi Berthollet, 25 28 marzo – apertura h. 22:30 Nel 1995 usciva “Contro Ogni Tempo”, primo disco dei Movida ed uno dei capisaldi della musica alternativa italiana. Pubblicato anche negli USA con il titolo “Against It All” ottenne uno strepitoso successo, confermato dalla vittoria del Grammy come “Miglior album straniero” al Concrete Foundation di Los Angeles. Dopo vent’anni il quintetto milanese porta di nuovo sul palcoscenico il repertorio di questo sfavillante esordio discografico, con un tour celebrativo partito a fine gennaio e che li vedrà esibirsi in tutta Italia nei prossimi mesi. Il nuovo appuntamento è previsto per sabato 28 marzo presso le Lavanderie Ramone di Torino (Via Claudio Luigi Berthollet, 25 – ore 22:30). “Contro Ogni Tempo” è stato rimasterizzato e ristampato con l’aggiunta dell’inedito “Il ricamo della Farfalla” (https://www.youtube.com/watch?v=9sodFrWWr4Y), pubblicato lo scorso 19 gennaio in tutti i negozi fisici e online per la Scarlet Records. Tour 2015 (in continuo aggiornamento) 22/01 Legend Club – Milano 21/02 Rock’N Roll Arena – Romagnano Sesia (No) 13/03 Mix Live – Lurate Caccivio (Co) 14/03 Crazy Bull – Genova 20/03 King’s Disco Club – Sassari 21/03 Life – Oristano 28/03 Lavanderie Ramone – Torino 17/04 Circolone – Legnano (Mi) 09/05 Hades Music Pub – Napoli 16/05 PalaRoller – Latina 20/06 Legend Club in Park – Milano 03/07 Civè Music Festival – Correzzola (Pd) BIOGRAFIA I Movida sono un gruppo rock italiano, nato a Milano nel 1994 su iniziativa di Mario Riso e Gianluca Battaglion, già membri dei R.A.F. (Royal Air Force) e Silverado. La formazione si completa con Giovanni Frigo, Ivan Lodini e Alessandro Ranzani. Dopo diversi mesi di preparazione, registrano il loro primo disco dal titolo Contro ogni tempo. Viene pubblicato da Spell Record nel novembre del 1995, uscendo contemporaneamente anche sul mercato non italiano con il titolo Against It All. Entrambi hanno un buon successo sia sul panorama italiano che su quello estero, particolarmente negli USA, vincendo il Grammy come miglior album straniero al Concrete Foundation di Los Angeles. L'incontro che dà la svolta al progetto del secondo disco è quello con Franz Di Cioccio, che decide di produrre la band per Fermenti Vivi, la nuova etichetta di RTI Music. Il disco dal titolo Frammenti simili è stato registrato all'Avantgarde dal produttore artistico Maks Lepore. La Band per supportare i due album ha tenuto più di 200 concerti e partecipato a numerosi Festival nazionali e internazionali. Nel 2002 il gruppo prende una pausa artistica. Nel Novembre 2007 i Movida si riuniscono per un concerto sold out dopo 5 anni di inattività (https://www.youtube.com/watch?v=BGWew64XwAs): più di duemila persone partecipano all'evento. Dal 2007 a oggi i Movida partecipano al tour Rezophonic (più di 300 concerti in tutta Italia), il social project fondato dallo stesso Mario Riso (batterista dei Movida). Nel 2011 incidono il singolo "Sono un Acrobata" che appare sul “Rezophonic 2”: (https://www.youtube.com/watch?v=nEnMPxH8hUs) Nel 2013 la band suona in un mini tour a Londra. A Gennaio 2015 i Movida ripubblicheranno la versione rimasterizzata di Contro Ogni Tempo, il loro primo album, in occasione del ventennale della sua uscita. Insieme a tutte le canzoni originali del disco sarà presente un nuovo brano inedito "Il ricamo della Farfalla" e la canzone "Sono un acrobata". A seguito della pubblicazione i Movida inizieranno il tour "Contro Ogni Tempo 20 Years" che li vedrà impegnati in una serie di concerti in Italia e all'estero. MArtePress
Print

WENDY?! LIVE@INIT ROMA

Written by LETA . Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 0
Wendy?! in concerto con i brani del nuovo album “Notebook” + Fasten Belt   Venerdì 27 marzo ore 22 @ INIT   via della Stazione Tuscolana, 133 – Roma   Ingresso 5 euro   Info: TIDE Records –  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Print

I giovanissimi WeFly per la prima volta in promozione nelle radio italiane con il brano "La forza"

Written by Giovanni Germanelli. Posted in News/Comunicati

User Rating:  / 1
I WeFly, che per la prima volta si presentano alle radio italiane con il brano "La forza", vengono da Savona e sono un gruppo musicale di "Giovanissimi" (età media 15 anni) scoperti dall' Etichetta bolognese SanLucaSound. La band è in uscita con il primo singolo il 23 Marzo e con il loro primo album dal titolo “Crescere”, il 24 Marzo con distribuzione digitale, dieci i brani inediti interamente composti dal gruppo sia in musica che parole. I WeFly attualmente sono una delle band più giovani d'Italia, (Via Internet non si trovano tracce di altre formazioni altrettanto giovani e contemporaneamente così operose). La loro musica è un pop-rock italiano melodico ed accattivante intriso di testi a volte leggeri come "Non è mai abbastanza" e "Raggio di sole", a volte più impegnati come l'autobiografica "Padre di me stessa" o la trasgressiva "Io non ci sto". Dall'inizio della loro attività ad oggi (poco più di due anni)i WeFly hanno partecipato ad oltre 30 manifestazioni sul ponente ligure esibendosi anche in numerosi concerti veri e propri, riscuotendo consensi e diversi premi: - Secondo Festival "San Giorgio Giovani" Albenga Ottobre 2012 PRIMO PREMIO (band) - "Festival della canzone dialettale ligure" edizione 2012 SECONDO PREMIO (band) - "Rock in Centro" Albenga Contest per band edizione 2013 PREMIO DELLA CRITICA - Terzo Festival "San Giorgio Giovani" Albenga Ottobre 2013 PRIMO PREMIO (band) I WeFly hanno realizzato due Videoclip, visibili sul loro sito e sul loro canale YouTube, entrambi realizzati su due inediti presenti sul loro album "Crescere": "Padre di me stessa" in featuring con Miriam Masala di Amici 2014: https://www.youtube.com/watch?v=of5D4Dub_9k e "Non è mai abbastanza": https://www.youtube.com/watch?v=6kZa9wRDFWY A breve in uscita anche il nuovo video del singolo “la Forza” WeFly sono: Alessandra Moscato: Voce e Chitarra elettrica (autrice dei testi) Matteo De Furia: Voce e Batteria Crystal Sorgi: Basso Matteo Zaccarello: Voce e Tastiere Contatti We Fly: Sito: http://www.wefly-band.it/ Facebook: WeFly fans page Canale You tube WeFly bandboys