COMUNICAZIONE: Non inviate comunicati via email (anche perchè è disattivata... momentaneamente) perchè nessuno li pubblicherà per voi. Se volete pubblicare dei contenuti su questo sito registratevi seguendo l'apposita procedura. Ognuno può pubblicare i propri contenuti ma attenzione a cosa pubblicate e come (non mettete immagini troppo grosse). Gli account che creano problemi saranno rimossi.

Vi chiediamo anche di fare attenzione a come si presenta una news. L'occhio vuole la sua parte... Aggiungete il leggi tutto.

 

Print

Giacomo Toni in concerto a Bari

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Il cantautore romagnolo in concerto al Storie del Vecchio Sud 24 aprile – Via Buccari, 120 – ore 22:00 Dopo aver terminato un 2013 fondamentale per la sua carriera artistica (debuttando con il suo vero album da solista), Giacomo Toni torna in concerto con una nuova data da non perdere: il 24 aprile il cantautore romagnolo si esibirà a Bari al Storie del Vecchio Sud (Via Buccari, 120). Giacomo Toni proporrà il meglio di “Musica per autoambulanze, album pubblicato nella primavera del 2013 per MArteLabel e che ha segnato per lui una decisiva maturazione artistica. Dopo aver curato le musiche di una mostra d’arte a Milano ed essersi esibito ad ottobre all’Arts and Park Amphitheatre di Miami per il circuito dell’HitWeek Festival (con una successiva serie di appuntamenti negli States), è bene ricordare l’uscita, prevista nei primi mesi del 2014, del dvd del live registrato lo scorso giugno all’Angelo Mai di Roma (a breve sarà disponibile la campagna di finanziamento in crowdfunding sul sito www.martefunding.org). MUSICA PER AUTOAMBULANZE si fa beffe della figura del cantautore solitario e lascia che la nutrita band aggredisca e stravolga l’idea dell’autore. Fatto di fiammate ironiche, ballate romantiche e sferzate di cinismo, come se fosse un elogio della contraddizione, l’ultimo lavoro in studio di Giacomo mischia le carte in tavola e alterna sonorità schizofreniche e indiscrete a momenti d'intensità delicata, in un’altalena di umori musicali che allenano l’orecchio e confondono il resto. Giacomo Toni urla, e il suo megafono è il pianoforte. Giacomo Toni A un primo ascolto può far pensare a Enzo Jannacci, Piero Ciampi, Paolo Conte, Vinicio Capossela: ma chi va a vederlo per la seconda volta si renderà conto che Giacomo Toni è solo Giacomo Toni I componenti della Novecento Band, Marcello Jandù Detti al trombone, Roberto Villa al contrabbasso, Gianni Perinelli al sax e Marco Frattini alla batteria sono quattro maestri con un talento da solisti e la capacità di fondersi alla perfezione con il pianoforte e la chitarra del loro "frontman esitante". La band, fondata nel 2005 da Giacomo Toni, ha all'attivo tre album: "Giacomo Toni & Novecento Band" (2006), "Metropoli" (2008) e "Hotel nord est" (2010), tutti autoprodotti, in collaborazione con la libera associazione teatrale “Gli Incauti”. Ogni canzone è un tornado di riferimenti musicali disparati, dalla scuola genovese al jazz sperimentale, e allo stesso tempo un racconto o un momento lirico chiuso in se stesso, forte, irriducibile, senza un verso o una frase musicale fuori posto. Diversi i premi ottenuti: premio singoli cantautori "Nuova Musica Italiana 2007" presieduto da Mogol; "Riconoscimento al miglior testo Premio Augusto Daolio 2006”; finalisti al concorso nazionale “1° Maggio Tutto l’Anno”; secondi classificati al concorso “Forlì 4peace 2006”; finalisti al concorso “Risonanze Unplugged 2006” e ospiti a RADIO RAI 1 durante il programma “Demo”. Il 1° settembre 2011 Giacomo ha aperto l’attesissimo concerto di Raphael Gualazzi al Metarock di Pisa e il 23 settembre ha partecipato con successo al Supersound di Faenza. Ad ottobre 2011 intraprende un tour tributo a Paolo Conte insieme a Lorenzo Kruger, frontman dei Nobraino e a giugno 2012 entra ufficialmente nell'etichetta MArteLabel. Il 2 novembre 2012 vince il Festival Mondiale della Canzone Funebre. Nella primavera del 2013 è uscito il suo primo vero disco da solista, Musica per Autoambulanze (MArteLabel). Il 5 ottobre si è esibito all'Arts and Park Amphiteatre di Miami (Usa), dopo aver vinto l'Hit Week Music Contest 2013, le cui finali si sono tenute il 28 e 29 agosto presso il Traffic Free Festival di Torino. Il 9 ottobre è uscito il suo singolo “Come una specie di mezzo matto”. MArtePress
Print

gaLoni in concerto a Benevento

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Il cantautore si esibirà giovedì 24 aprile presso il Morgana Music Club Via Umberto I, 8 - ore 22:00 Una nuova data per il cantautore romano gaLoni che suonerà il prossimo giovedì 24 aprile presso il Morgana Music Club di Benevento (Via Umberto I, 8, ore 22:00). L’artista presenterà alcuni brani tratti dal suo nuovo progetto discografico, “Troppo bassi per i podi”, uscito il 20 marzo (prodotto dalla 29Records e distribuito da MArteLabel/Goodfellas). Il disco, che segue l’ottimo esordio di Greenwich (2011), si avvale della collaborazione e della produzione artistica di Emanuele Colandrea degli EvaMonAmour. gaLoni presenta undici tracce inedite, scritte negli ultimi due anni e che riprendono un discorso iniziato con il disco di debutto. Si tratta di storie quotidiane con al centro dei protagonisti che, questa volta, non tentano di spostare il meridiano zero come nel primo album ma camminano sui tetti. Stanno lì che osservano, a metà strada tra l’asfalto e l’instabilità che esso incarna, ed un’altezza irreale e impossibile, dove poter spendere ancora del tempo a studiare i trucchi del volo e sperare in una condizione sociale migliore. BIOGRAFIA gaLoni è il cognome/nome d’arte di Emanuele Galoni, classe 1981, cantautore della provincia di Latina ma da sempre attivo a Roma. Il suo album d’esordio è Greenwich, uscito nel 2011 per l’etichetta 29Records [EvaMonAmour, Sprained Cookies, Il Dono]. Il disco si avvale della collaborazione di Emanuele Colandrea che ne ha curato la produzione artistica. Il passaparola sui media ha alzato l’attenzione intorno a questo progetto portando gaLoni ad esibirsi in molti club della penisola. Dopo un lungo tour gaLoni è rientrato in studio per un secondo album, di nuovo con la produzione artistica di Colandrea, un disco che vede la collaborazione di molti musicisti tra cui quella di Valerio Manelfi (degli Area 765) al basso. LINK UTILI www.galoni.it www.facebook.com/emanuelegaLoni www.youtube.com/user/emanuelegaloni Dicono di "Troppo bassi per i podi” Audiofollia – Francesco Lenzi «Davvero un bel disco questo ;e Galoni è un cantautore che ha tantissime cose da dire, e lo fa bene, con schiettezza e licenza poetica, tenendo sempre viva l’attenzione ed emozionando con le sue storie di vita….Uno dei migliori cantautori tra le “nuove leve”, senza alcuna ombra di dubbio» Extra Music Magazine – Cristina Valentini «Emanuele Galoni, in arte gaLoni è finalmente tornato dopo il debutto di Greenwich, ma a dire la verità non se n’era mai andato, perché ha sempre continuato a scrivere, ed è questo credo che contraddistingue i veri artisti, continuare a comporre incessantemente musica, storie, senza mai fermarsi, perché la musica è la loro linfa vitale. Sempre sulla scia di Greenwich e con la preziosa collaborazione di Emanuele Colandrea, degli Eva Mon Amour, gaLoni prosegue il suo viaggio con 11 pezzi che parlano di storie vissute nel quotidiano, con quella poeticità e surrealismo che solo gaLoni sa regalarci, con estrema naturalezza» Indi(e)ce1974 – Matteo Ceschi «Una voce che colpisce discretamente ma che sa lasciare una traccia di sé accompagna una forma cantautorale che non ha paura di cercare altrove, anche nel pop, quanto necessario per uscire definitivamente allo scoperto e dire la sua. Piccoli gesti e suoni surreali scivolano dalle mani per poi crescere di significato in prossimità delle orecchie dell’ascoltatore. La fuga dall’anonima timidezza del cantautore avviene alla luce di un intenso e caldo sole musicale e permette all’artista romano di infondere alle sue canzoni un ritmo che viene davvero molto facile definire “familiare”» MArtePress
Print

Borghese in concerto a San Benedetto del Tronto

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Il cantautore sarà in concerto al “Kontiki” 24 aprile – Viale Trieste, 7 – ore 22:00 La sua presenza scenica non passa di certo inosservata, i suoi brani non lasciano indifferente il pubblico, la sua voglia di dichiarare in parole e musica le ipocrisie e le contraddizioni della società contemporanea non è minore della carica energetica che riesce ad esibire ogni qualvolta affronta il palcoscenico: stiamo parlando di Borghese, il cantautore post-ideologico, che il prossimo giovedì 24 aprile sarà in concerto a San Benedetto del Tronto presso il Kontiki per un evento che di sicuro lascerà il segno. Il cantautore 2.0 che indossa il passamontagna (ma che sul palco dismette l’uso della maschera, per offrire un volto alla sua forza espressiva), di cui si ignora la biografia perché, dice, «il passato non è importante», riproporrà brani tratti da “L’educazione delle rockstar” (TouchClay Records, 2013), suo album d’esordio che il 28 marzo sarà in ristampa. Undici tracce che vengono riviste, riadattate, riarrangiate ma non stravolte, conservando quell’autentica traccia di rock e cantautorato che ne hanno determinato il successo; inoltre la track list prevede anche tre bonus track, nelle quali interverranno in qualità di ospiti Giorgio Baldi (chitarrista e produttore di Max Gazzé), Gianluca Lusi (ai fiati), Nadar Solo e Albedo e che andranno a costituire un EP la cui data di uscita è prevista entro l’estate 2014. Borghese provoca attraverso la sua ironia ma lo fa in maniera personale, originale, con un distacco ironico che è l’unica modalità tramite la quale è possibile parlare di cose complicate, perché solo ad una giusta distanza dalle cose scomode si riesce a vederle per quello che sono. Solo a giusta distanza la lente e la luce possono incendiare. Di seguito un elenco delle date (in continuo aggiornamento) 08 marzo | Enoteca Gadì – Tivoli (Roma) 14 marzo | The Odd Room – Roma 22 marzo | Bacarando in Corte dell’Orso – Venezia 28 marzo | Dejavù – S. Egidio alla Vibrata (Te): open act Management del Dolore Post Operatorio 29 marzo | B.Stek – Pratola Peligna (Aq) 5 aprile | Tipografia – Pescara: open act Luci della Centrale Elettrica 6 giugno | Arci Camalli – Imperia 7 giugno | Nuovo Camarillo – Prato Link www.borgheserock.it www.facebook.com/borgheserock www.twitter.com/borghes_e www.youtube.com/user/BorghseRock Un uomo inserito nei meccanismi della società, un uomo con un lavoro garantito in un’Italia in cui pochi lo sono e molti vivono nell’incertezza del presente e nella certezza di non aver un futuro, un uomo che quella garanzia stava quasi per soffocare in una vita grigia. Un uomo abituato a mettersi la cravatta ogni mattina, un uomo che comincia a sentire quel nodo molto più di una costrizione fisica, ma una diga che blocca il sangue verso la testa. Un uomo che comincia a vedere il suo ufficio, pieno di consuetudini e formalismi sempre uguali, una gabbia del pensiero. Un uomo che in un giorno preciso, “come un quadro che casca dal muro”, decide di costruirsi un’altra vita, di utilizzare i suoi abiti da lavoro per un’identità notturna e libera, un’identità che assecondi la sua malattia di scrivere canzoni che solo in quella forma diventano sincere come mai e lontane da ogni pregiudizio. Da questa premessa e da un abbozzo di romanzo mai terminato inizia la collaborazione con la Touch Clay Records che si interessa a quegli abbozzi di testi così disinibiti ma mai bugiardi. Nel giugno del 2013 esce “L’Educazione delle rockstar” con il suo primo singolo “Luoghi in comune” che in poco tempo fa 5.000 visualizzazioni su Youtube; arrivano le recensioni della stampa nazionale tutte positivamente unanimi e concordi nel dire che l’Italia si trova davanti un nuovo modo 2.0 di intendere il cantautorato rock. Arrivano le richieste dei promoter, arrivano le prime date dei concerti. E il borghese asservito alle logiche della società di consumo diventa Borghese, entra in clandestinità in un’altra vita attraverso la musica e l’arte. Dicono di BORGHESE «Un quartetto pop elettrico con il tiro dell'indie rock e dosi di elettronica». ALIAS [Il Manifesto] - 18.05.2013 «Un "cantautorato post-ideologico" a tinte electro-rock, che gioca con intelligenza a sviscerare le debolezze della società dell'immagine e a scardinare gli stilemi del cosiddetto mondo indie». ROCKERILLA - GIUGNO 2013" «Borghese confeziona un esordio al piombo fuso dove persino la cornice musicale d'appoggio (tra power rock e new wave) vale quanto le parole, proiettili che squarciano la carne viva di pregiudizi e ideologie alla moda». RUMORE - GIUGNO 2013 «Si fa chiamare Borghese, non parla di sé, la sua biografia si ignora perché, dice, il passato non è importante e per certi versi è come se a esso volesse rinunciarvi. Il perché non è dato saperlo, poi però lo scorgi tra i versi delle canzoni». IL FATTO QUOTIDIANO – 10 GIUGNO 2013 «"L'Educazione delle Rockstar" è proprio un disco fuori moda. Perché è cantato - e anche con sentimento - e poi suona rock. Non ironicamente rock, sinceramente rock. E parla, fra l'altro, di cose di attualità e di ingiustizie, proprio come facevano i dischi dei cantautori quando non erano fuori moda». ROCKIT – 27 GIUGNO 2013 MArtePress
Print

Scarda a Vibo Valentia

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Il cantautore in concerto al Living Wine Bar il 19 aprile Continua il momento positivo per il cantautore Scarda: dopo il suo concerto dello scorso 4 Aprile a Bologna, il prossimo 19 aprile sarà in concerto a Vibo Valentia al Living Wine Bar (Strada Statale 18, c.o. Annunziata Store – ore 22:00 – ingresso libero) evento in cui proporrà il meglio del suo repertorio, a partire da “Smetto quando voglio”, la title song dell’omonimo film, una delle sorprese cinematografiche di questo inizio 2014. ______________________________________________________________________________ Nessun disco all'attivo, nessun premio o riconoscimento per SCARDA (all’anagrafe Nico Scardamaglio), ma il talento, anche in Italia, difficilmente rimane nascosto a lungo. Non a caso una leggenda della musica nostrana quale Mogol, ascoltato il brano “Mario il Precario” durante un convegno, si è complimentato pubblicamente col cantautore tirando in ballo un altro colosso: “Mi hai ricordato molto il mio amico, e tuo corregionale: Rino Gaetano”. In meno di due anni di attività Scarda è diventato un piccolo fenomeno nella sua città di origine (Vibo Valentia), attirando fin dal primo concerto un grandissimo seguito grazie al tam tam sui social network. Nel 2012 una sua demo in streaming su Youtube riceve in poco tempo circa 30mila ascolti. Conosciuta la sua musica, il regista Sydney Sibilla decide di affidargli la title song del proprio primo film “Smetto quando voglio”, uscito nelle sale cinematografiche il 6 Febbraio per Fandango / Ascent Film. La pellicola racconta la storia di un gruppo di ricercatori squattrinati che, stanchi della propria vita, sintetizzano una nuova droga e finiscono per trasformarsi in una vera e propria banda. Il brano di Scarda (che sarà accompagnato da un videoclip) parla in maniera velata dei nuovi problemi di questi giovani “criminali allo sbaraglio”, soffermandosi soprattutto sul rapporto tra Pietro (protagonista del film, interpretato da Edoardo Leo) e la sua fidanzata (all’oscuro di tutto). I brani di Scarda sono paragonabili a veri e propri “ritratti interiori di persone”, racconti di stati d’animo all’interno dei quali la semplice introspezione lascia spazio ad una più profonda analisi “estetica” degli argomenti trattati. Alcuni brani di Scarda: Io lo so: http://www.youtube.com/watch?v=OOflxLq6rbE Michele è matto: http://www.youtube.com/watch?v=Dwg6d8h37Gc Gina: http://www.youtube.com/watch?v=3bt4rU-6RNU Sarà bellissimo però: http://www.youtube.com/watch?v=U7ASx7vsW3g Mario il precario (live): http://www.youtube.com/watch?v=TFhJFMHifd8 Il suo bene: http://www.youtube.com/watch?v=68j5kadoWH4 Interviste: - http://www.ilgruppo.net/intervista-scarda/ - http://www.caffenews.it/avanguardie/40715/sono-stanco-di-crescere-caffe-news-intervista-scarda/ - http://www.youtube.com/watch?v=k4WW8d767xk Social: Canale Youtube: http://www.youtube.com/user/scardalive Facebook Fan Page: https://www.facebook.com/www.scardalive.it?ref=br_rs
Print

Scarda all'Antica Traccia di Taurianova

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Continua il momento positivo per il cantautore Scarda: dopo il suo concerto dello scorso 4 Aprile a Bologna, il prossimo 18 aprile sarà in concerto a Taurianova all'Antica Traccia (Via II Circonvallazione – ore 22:00 – ingresso libero), open act del concerto dei Prospettive di Gioia sulla Luna, in cui proporrà il meglio del suo repertorio, a partire da “Smetto quando voglio”, la title song dell’omonimo film, una delle sorprese cinematografiche di questo inizio 2014. ______________________________________________________________________________ Nessun disco all'attivo, nessun premio o riconoscimento per SCARDA (all’anagrafe Nico Scardamaglio), ma il talento, anche in Italia, difficilmente rimane nascosto a lungo. Non a caso una leggenda della musica nostrana quale Mogol, ascoltato il brano “Mario il Precario” durante un convegno, si è complimentato pubblicamente col cantautore tirando in ballo un altro colosso: “Mi hai ricordato molto il mio amico, e tuo corregionale: Rino Gaetano”. In meno di due anni di attività Scarda è diventato un piccolo fenomeno nella sua città di origine (Vibo Valentia), attirando fin dal primo concerto un grandissimo seguito grazie al tam tam sui social network. Nel 2012 una sua demo in streaming su Youtube riceve in poco tempo circa 30mila ascolti. Conosciuta la sua musica, il regista Sydney Sibilla decide di affidargli la title song del proprio primo film “Smetto quando voglio”, uscito nelle sale cinematografiche il 6 Febbraio per Fandango / Ascent Film. La pellicola racconta la storia di un gruppo di ricercatori squattrinati che, stanchi della propria vita, sintetizzano una nuova droga e finiscono per trasformarsi in una vera e propria banda. Il brano di Scarda (che sarà accompagnato da un videoclip) parla in maniera velata dei nuovi problemi di questi giovani “criminali allo sbaraglio”, soffermandosi soprattutto sul rapporto tra Pietro (protagonista del film, interpretato da Edoardo Leo) e la sua fidanzata (all’oscuro di tutto). I brani di Scarda sono paragonabili a veri e propri “ritratti interiori di persone”, racconti di stati d’animo all’interno dei quali la semplice introspezione lascia spazio ad una più profonda analisi “estetica” degli argomenti trattati. Alcuni brani di Scarda: Io lo so: http://www.youtube.com/watch?v=OOflxLq6rbE Michele è matto: http://www.youtube.com/watch?v=Dwg6d8h37Gc Gina: http://www.youtube.com/watch?v=3bt4rU-6RNU Sarà bellissimo però: http://www.youtube.com/watch?v=U7ASx7vsW3g Mario il precario (live): http://www.youtube.com/watch?v=TFhJFMHifd8 Il suo bene: http://www.youtube.com/watch?v=68j5kadoWH4 Interviste: - http://www.ilgruppo.net/intervista-scarda/ - http://www.caffenews.it/avanguardie/40715/sono-stanco-di-crescere-caffe-news-intervista-scarda/ - http://www.youtube.com/watch?v=k4WW8d767xk Social: Canale Youtube: http://www.youtube.com/user/scardalive Facebook Fan Page: https://www.facebook.com/www.scardalive.it?ref=br_rs
Print

Molla in concerto al Tesla ( Montelupo Fiorentino)

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Giovedì 17 aprile - Tesla – Montelupo Fiorentino (FI) Molla giovedì 17 aprile al Tesla di Montelupo Fiorentino con un live in cui presenterà i brani del suo disco “Prendi Fiato”, prodotto da Auand Songs di Marco Valente (www.auand.com/songs) e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record (PO FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV). Tutti i testi sono scritti da Ambra Susca, le musiche da Molla e il lavoro è stato registrato e mixato tra Bari, Torre a Mare, Bisceglie e Milano. Il 7 aprile, in anteprima esclusiva su Fanpage, è uscito il video di Barbie83, primo singolo tratto dal disco, che ha totalizzato nelle prime ventiquattro ore più di 9000 visualizzazioni. Prendi fiato è un disco fatto di ricordi, esperienze vissute, storie dal 2008 ad oggi che racchiude anime diverse sposando l’elettronica al sound acustico delle chitarre, il romanticismo delle ballate ai ritmi Dub Step. La distanza fa da filo conduttore alle 10 tracce di Prendi fiato con le sue immagini, istantanee di luoghi che non si abitano più, di luoghi che si vorrebbe abitare, ricordi della persona amata, echi del tempo ormai trascorso e visioni di quello a venire. Siamo di fronte ad una distanza che crea una struggente ma dolce malinconia e che, allo stesso tempo, spinge ad andare oltre. Molla ci introduce al suo universo musicale pieno di emozioni, di suoni e loop, di ritmi e colori, di cose non dette e di cuore. BIOGRAFIA Luca Giura, in arte Molla, è un compositore, un interprete e un musicista poli-strumentista, le cui esibizioni, intese come rappresentazioni del suo mondo, vedono il palco invaso da strumenti: pezzi di batteria, un basso, una tastiera, un laptop ed un microfono. E’ batterista in diverse band emergenti baresi, con una delle quali, gli AMEBA4, calca il grande palco di Sanremo nel 2006. Dal 2007 al 2012 è front-man della band IL SOGNO. Ha aperto numerosi concerti di artisti come Afterhours, Caparezza, Africa Unite, Dente, Erica Mou, Marco Notari, L’Aura, Giuliano Palma, La Fame di Camilla. Si è esibito in alcune date, come l’MTV Day, al fianco di Erica Mou. Dal 2012 con lo pseudonimo Molla presenta brani da lui composti per i quali si avvale dei testi scritti rigorosamente in italiano dalla DJ Ambra Susca, in arte Amber. A Novembre 2012 viene pubblicato su iTunes il suo primo singolo intitolato “7 di Novembre” sotto etichetta Auand Songs. A Dicembre 2012 vince il Campus MEI, maratona organizzata presso il Demodè di Bari in occasione del Medimex. A Giugno 2013 vince il contest di Aramini presentato da Red Ronnie presso il Roxy Bar di Bologna in occasione del Music Italy Show. Ad Agosto 2013 viene inserito nella compilation BEST OF FESTIVAL in free download su LA REPUBBLICA XL, una compilation a tema, dedicata a tutte quelle effervescenti e resistenti realtà che vanno a comporre la Rete dei Festival. Il network nato per mettere in connessione le tantissime manifestazioni indipendenti che sostengono la musica indipendente italiana (http://xl.repubblica.it/brani-musicali/download-del-mese-best-of-festival/5112/).
Print

Molla in concerto al Tesla di Montelupo Fiorentino

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Giovedì 17 aprile - Tesla – Montelupo Fiorentino (FI) Molla giovedì 17 aprile al Tesla di Montelupo Fiorentino con un live in cui presenterà i brani del suo disco “Prendi Fiato”, prodotto da Auand Songs di Marco Valente (www.auand.com/songs) e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record (PO FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV). Tutti i testi sono scritti da Ambra Susca, le musiche da Molla e il lavoro è stato registrato e mixato tra Bari, Torre a Mare, Bisceglie e Milano. Il 7 aprile, in anteprima esclusiva su Fanpage, è uscito il video di Barbie83, primo singolo tratto dal disco, che ha totalizzato nelle prime ventiquattro ore più di 9000 visualizzazioni. Prendi fiato è un disco fatto di ricordi, esperienze vissute, storie dal 2008 ad oggi che racchiude anime diverse sposando l’elettronica al sound acustico delle chitarre, il romanticismo delle ballate ai ritmi Dub Step. La distanza fa da filo conduttore alle 10 tracce di Prendi fiato con le sue immagini, istantanee di luoghi che non si abitano più, di luoghi che si vorrebbe abitare, ricordi della persona amata, echi del tempo ormai trascorso e visioni di quello a venire. Siamo di fronte ad una distanza che crea una struggente ma dolce malinconia e che, allo stesso tempo, spinge ad andare oltre. Molla ci introduce al suo universo musicale pieno di emozioni, di suoni e loop, di ritmi e colori, di cose non dette e di cuore. BIOGRAFIA Luca Giura, in arte Molla, è un compositore, un interprete e un musicista poli-strumentista, le cui esibizioni, intese come rappresentazioni del suo mondo, vedono il palco invaso da strumenti: pezzi di batteria, un basso, una tastiera, un laptop ed un microfono. E’ batterista in diverse band emergenti baresi, con una delle quali, gli AMEBA4, calca il grande palco di Sanremo nel 2006. Dal 2007 al 2012 è front-man della band IL SOGNO. Ha aperto numerosi concerti di artisti come Afterhours, Caparezza, Africa Unite, Dente, Erica Mou, Marco Notari, L’Aura, Giuliano Palma, La Fame di Camilla. Si è esibito in alcune date, come l’MTV Day, al fianco di Erica Mou. Dal 2012 con lo pseudonimo Molla presenta brani da lui composti per i quali si avvale dei testi scritti rigorosamente in italiano dalla DJ Ambra Susca, in arte Amber. A Novembre 2012 viene pubblicato su iTunes il suo primo singolo intitolato “7 di Novembre” sotto etichetta Auand Songs. A Dicembre 2012 vince il Campus MEI, maratona organizzata presso il Demodè di Bari in occasione del Medimex. A Giugno 2013 vince il contest di Aramini presentato da Red Ronnie presso il Roxy Bar di Bologna in occasione del Music Italy Show. Ad Agosto 2013 viene inserito nella compilation BEST OF FESTIVAL in free download su LA REPUBBLICA XL, una compilation a tema, dedicata a tutte quelle effervescenti e resistenti realtà che vanno a comporre la Rete dei Festival. Il network nato per mettere in connessione le tantissime manifestazioni indipendenti che sostengono la musica indipendente italiana (http://xl.repubblica.it/brani-musicali/download-del-mese-best-of-festival/5112/). undefined
Print

gaLoni a Radio Sapienza

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Il cantautore parteciperà a Fattore C, insieme ai Bud Spencer Blues Explosion, Everloud e Li Scordi Domani Il cantautore romano gaLoni sarà presente alla prossima puntata di Fattore C di Radio Sapienza (via Salaria 113) . Giovedì 17 aprile dalle ore 15.00, con lui ci saranno anche i Bud Spencer Blues Explosion, Everloud e Li Scordi Domani. L’artista parlerà del tour, dei prossimi progetti artistici e del suo nuovo disco, “Troppo bassi per i podi”, uscito lo scorso 20 marzo, prodotto dalla 29Records e distribuito da MArteLabel/Goodfellas). Il disco, che segue l’ottimo esordio di Greenwich (2011), si avvale della collaborazione e della produzione artistica di Emanuele Colandrea degli EvaMonAmour. gaLoni presenta undici tracce inedite, scritte negli ultimi due anni e che riprendono un discorso iniziato con il disco di debutto. Si tratta di storie quotidiane con al centro dei protagonisti che, questa volta, non tentano di spostare il meridiano zero come nel primo album ma camminano sui tetti. Stanno lì che osservano, a metà strada tra l’asfalto e l’instabilità che esso incarna, ed un’altezza irreale e impossibile, dove poter spendere ancora del tempo a studiare i trucchi del volo e sperare in una condizione sociale migliore. BIOGRAFIA gaLoni è il cognome/nome d’arte di Emanuele Galoni, classe 1981, cantautore della provincia di Latina ma da sempre attivo a Roma. Il suo album d’esordio è Greenwich, uscito nel 2011 per l’etichetta 29Records [EvaMonAmour, Sprained Cookies, Il Dono]. Il disco si avvale della collaborazione di Emanuele Colandrea che ne ha curato la produzione artistica. Il passaparola sui media ha alzato l’attenzione intorno a questo progetto portando gaLoni ad esibirsi in molti club della penisola. Dopo un lungo tour gaLoni è rientrato in studio per un secondo album, di nuovo con la produzione artistica di Colandrea, un disco che vede la collaborazione di molti musicisti tra cui quella di Valerio Manelfi (degli Area 765) al basso. LINK UTILI www.galoni.it www.facebook.com/emanuelegaLoni www.youtube.com/user/emanuelegaloni Dicono di "Troppo bassi per i podi” Audiofollia – Francesco Lenzi «Davvero un bel disco questo ;e Galoni è un cantautore che ha tantissime cose da dire, e lo fa bene, con schiettezza e licenza poetica, tenendo sempre viva l’attenzione ed emozionando con le sue storie di vita….Uno dei migliori cantautori tra le “nuove leve”, senza alcuna ombra di dubbio» Extra Music Magazine – Cristina Valentini «Emanuele Galoni, in arte gaLoni è finalmente tornato dopo il debutto di Greenwich, ma a dire la verità non se n’era mai andato, perché ha sempre continuato a scrivere, ed è questo credo che contraddistingue i veri artisti, continuare a comporre incessantemente musica, storie, senza mai fermarsi, perché la musica è la loro linfa vitale. Sempre sulla scia di Greenwich e con la preziosa collaborazione di Emanuele Colandrea, degli Eva Mon Amour, gaLoni prosegue il suo viaggio con 11 pezzi che parlano di storie vissute nel quotidiano, con quella poeticità e surrealismo che solo gaLoni sa regalarci, con estrema naturalezza» Indi(e)ce1974 – Matteo Ceschi «Una voce che colpisce discretamente ma che sa lasciare una traccia di sé accompagna una forma cantautorale che non ha paura di cercare altrove, anche nel pop, quanto necessario per uscire definitivamente allo scoperto e dire la sua. Piccoli gesti e suoni surreali scivolano dalle mani per poi crescere di significato in prossimità delle orecchie dell’ascoltatore. La fuga dall’anonima timidezza del cantautore avviene alla luce di un intenso e caldo sole musicale e permette all’artista romano di infondere alle sue canzoni un ritmo che viene davvero molto facile definire “familiare”» MArtePress
Print

gaLoni in concerto a Roma

Written by erica. Posted in News/Comunicati

Il cantautore si esibirà giovedì 17 al 2 Periodico Via Via Leonina 77 – ore 22:00 Una nuova data per il cantautore romano gaLoni che sarà in concerto il prossimo giovedì 17 aprile al 2 Periodico di Roma. L’artista presenterà in alcuni brani tratti dal suo nuovo progetto discografico, “Troppo bassi per i podi”, uscito lo scorso 20 marzo, prodotto dalla 29Records e distribuito da MArteLabel/Goodfellas). Il disco, che segue l’ottimo esordio di Greenwich (2011), si avvale della collaborazione e della produzione artistica di Emanuele Colandrea degli EvaMonAmour. gaLoni presenta undici tracce inedite, scritte negli ultimi due anni e che riprendono un discorso iniziato con il disco di debutto. Si tratta di storie quotidiane con al centro dei protagonisti che, questa volta, non tentano di spostare il meridiano zero come nel primo album ma camminano sui tetti. Stanno lì che osservano, a metà strada tra l’asfalto e l’instabilità che esso incarna, ed un’altezza irreale e impossibile, dove poter spendere ancora del tempo a studiare i trucchi del volo e sperare in una condizione sociale migliore. BIOGRAFIA gaLoni è il cognome/nome d’arte di Emanuele Galoni, classe 1981, cantautore della provincia di Latina ma da sempre attivo a Roma. Il suo album d’esordio è Greenwich, uscito nel 2011 per l’etichetta 29Records [EvaMonAmour, Sprained Cookies, Il Dono]. Il disco si avvale della collaborazione di Emanuele Colandrea che ne ha curato la produzione artistica. Il passaparola sui media ha alzato l’attenzione intorno a questo progetto portando gaLoni ad esibirsi in molti club della penisola. Dopo un lungo tour gaLoni è rientrato in studio per un secondo album, di nuovo con la produzione artistica di Colandrea, un disco che vede la collaborazione di molti musicisti tra cui quella di Valerio Manelfi (degli Area 765) al basso. LINK UTILI www.galoni.it www.facebook.com/emanuelegaLoni www.youtube.com/user/emanuelegaloni Dicono di "Troppo bassi per i podi” Audiofollia – Francesco Lenzi «Davvero un bel disco questo ;e Galoni è un cantautore che ha tantissime cose da dire, e lo fa bene, con schiettezza e licenza poetica, tenendo sempre viva l’attenzione ed emozionando con le sue storie di vita….Uno dei migliori cantautori tra le “nuove leve”, senza alcuna ombra di dubbio» Extra Music Magazine – Cristina Valentini «Emanuele Galoni, in arte gaLoni è finalmente tornato dopo il debutto di Greenwich, ma a dire la verità non se n’era mai andato, perché ha sempre continuato a scrivere, ed è questo credo che contraddistingue i veri artisti, continuare a comporre incessantemente musica, storie, senza mai fermarsi, perché la musica è la loro linfa vitale. Sempre sulla scia di Greenwich e con la preziosa collaborazione di Emanuele Colandrea, degli Eva Mon Amour, gaLoni prosegue il suo viaggio con 11 pezzi che parlano di storie vissute nel quotidiano, con quella poeticità e surrealismo che solo gaLoni sa regalarci, con estrema naturalezza» Indi(e)ce1974 – Matteo Ceschi «Una voce che colpisce discretamente ma che sa lasciare una traccia di sé accompagna una forma cantautorale che non ha paura di cercare altrove, anche nel pop, quanto necessario per uscire definitivamente allo scoperto e dire la sua. Piccoli gesti e suoni surreali scivolano dalle mani per poi crescere di significato in prossimità delle orecchie dell’ascoltatore. La fuga dall’anonima timidezza del cantautore avviene alla luce di un intenso e caldo sole musicale e permette all’artista romano di infondere alle sue canzoni un ritmo che viene davvero molto facile definire “familiare”» MArtePress
Print

Gli Swell99 tornano con il coinvolgente videoclip di “Non è la fine”

Written by aRtLoVeRs. Posted in News/Comunicati

Una storia d’amore finita male che porta con sé una profonda delusione, di quelle che lasciano una cicatrice in più nell’anima, che forse non smetterà mai di sanguinare. Molti potranno immedesimarsi nella storia raccontata in “Non È La Fine”, graffiante ballad degli Swell99, tratta dall’ultimo album, “Life”. Dal 4 Aprile è disponibile il videoclip ufficiale del brano, ideato, diretto e girato da Silvia Borroni, Alessandro Muscolini e Lorenzo Raponi nonché ambientato nell’Hotel77 di Tolentino (MC). “Svegliarsi no, non è la fine, dura è la realtà, perché pagare poi non è il vero dolore…” Tutto comincia con una porta che si chiude e che scatena una lunga scia di pensieri ossessionanti che il protagonista tenta invano di sfogare nell’alcool. Ambientato in un albergo vuoto come il vuoto che lei ha lasciato dietro di sé, il videoclip ispirato al brano “Non È La Fine” riesce a sottolineare lucidamente le emozioni del protagonista, con quella sensazione di tagliente smarrimento e di soffocata rabbia che esplodono in un finale spezzato. Travolgenti nei momenti più elettrici, gli Swell99 dimostrano con questo brano di saper toccare le giuste corde anche con i brani più acustici e intimi. Guarda qui il video: http://www.youtube.com/watch?v=K4ARO3y47Q8&feature=player_embedded Ascolta qui il brano in streaming: https://soundcloud.com/rock-swell/non-e-la-fine2?in=rockswell/sets/life Il sito ufficiale degli Swell99: http://www.swell99.com Canale Youtube ufficiale: http://www.youtube.com/user/swellitaly?feature=watch Facebook: https://www.facebook.com/swell99official
Print

Molla in concerto al Tesla di Montelupo Fiorentino

Written by MArteLive per MOLLA. Posted in News/Comunicati

Molla giovedì 17 aprile al Tesla Science bar di Montelupo Fiorentino (FI) con un live in cui presenterà i brani del suo disco “Prendi Fiato”, prodotto da Auand Songs di Marco Valente (www.auand.com/songs) e promosso con il sostegno di Puglia Sounds Record (PO FESR PUGLIA 2007/2013 ASSE IV). Tutti i testi sono scritti da Ambra Susca, le musiche da Molla e il lavoro è stato registrato e mixato tra Bari, Torre a Mare, Bisceglie e Milano. Il 7 aprile, in anteprima esclusiva su Fanpage, è uscito il video di Barbie83, primo singolo tratto dal disco, che ha totalizzato nelle prime ventiquattro ore più di 9000 visualizzazioni. Prendi fiato è un disco fatto di ricordi, esperienze vissute, storie dal 2008 ad oggi che racchiude anime diverse sposando l’elettronica al sound acustico delle chitarre, il romanticismo delle ballate ai ritmi Dub Step. La distanza fa da filo conduttore alle 10 tracce di Prendi fiato con le sue immagini, istantanee di luoghi che non si abitano più, di luoghi che si vorrebbe abitare, ricordi della persona amata, echi del tempo ormai trascorso e visioni di quello a venire. Siamo di fronte ad una distanza che crea una struggente ma dolce malinconia e che, allo stesso tempo, spinge ad andare oltre. Molla ci introduce al suo universo musicale pieno di emozioni, di suoni e loop, di ritmi e colori, di cose non dette e di cuore. BIOGRAFIA Luca Giura, in arte Molla, è un compositore, un interprete e un musicista poli-strumentista, le cui esibizioni, intese come rappresentazioni del suo mondo, vedono il palco invaso da strumenti: pezzi di batteria, un basso, una tastiera, un laptop ed un microfono. E’ batterista in diverse band emergenti baresi, con una delle quali, gli AMEBA4, calca il grande palco di Sanremo nel 2006. Dal 2007 al 2012 è front-man della band IL SOGNO. Ha aperto numerosi concerti di artisti come Afterhours, Caparezza, Africa Unite, Dente, Erica Mou, Marco Notari, L’Aura, Giuliano Palma, La Fame di Camilla. Si è esibito in alcune date, come l’MTV Day, al fianco di Erica Mou. Dal 2012 con lo pseudonimo Molla presenta brani da lui composti per i quali si avvale dei testi scritti rigorosamente in italiano dalla DJ Ambra Susca, in arte Amber. A Novembre 2012 viene pubblicato su iTunes il suo primo singolo intitolato “7 di Novembre” sotto etichetta Auand Songs. A Dicembre 2012 vince il Campus MEI, maratona organizzata presso il Demodè di Bari in occasione del Medimex. A Giugno 2013 vince il contest di Aramini presentato da Red Ronnie presso il Roxy Bar di Bologna in occasione del Music Italy Show. Ad Agosto 2013 viene inserito nella compilation BEST OF FESTIVAL in free download su LA REPUBBLICA XL, una compilation a tema, dedicata a tutte quelle effervescenti e resistenti realtà che vanno a comporre la Rete dei Festival. Il network nato per mettere in connessione le tantissime manifestazioni indipendenti che sostengono la musica indipendente italiana (http://xl.repubblica.it/brani-musicali/download-del-mese-best-of-festival/5112/). MArtePress