COMUNICAZIONE: Non inviate comunicati via email (anche perchè è disattivata... momentaneamente) perchè nessuno li pubblicherà per voi. Se volete pubblicare dei contenuti su questo sito registratevi seguendo l'apposita procedura. Ognuno può pubblicare i propri contenuti ma attenzione a cosa pubblicate e come (non mettete immagini troppo grosse). Gli account che creano problemi saranno rimossi.

Vi chiediamo anche di fare attenzione a come si presenta una news. L'occhio vuole la sua parte... Aggiungete il leggi tutto.

 

Stampa

Ecco "Il Senso Delle Cose", il nuovo disco di Matth Vi

Scritto da Matth Vi. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
LO TROVI IN DIGITAL DOWNLOAD IN TUTTE LE PIATTAFORME MUSICALI E NEI NEGOZI Cover Matth Vi - Il Senso Delle Cose Matth Vi talentoso cantautore Pisano, dopo tanta sperimentazione e un percorso Live su importanti palchi e diverse collaborazioni artistiche approda ad un nuovo progetto discografico che racchiude sfaccettature autobiografiche e messaggi ai giovani, con un linguaggio immediato e di sicuro interesse. Melodie accattivanti, arrangiamenti raffinati, un viaggio tra il pop d’autore. influenze rock ed il cantautorato, rende “Il Senso Delle Cose” un EP piacevole all’ascolto e molto radiofonico. IL BOOKLET CONTIENE MESSAGGI MULTIMEDIALI TRAMITE APP DAL TUO SMARTPHONE : SI COLLEGA AL VIDEOCLIP “IL SENSO DELLE COSE” E AD UN BONUS VIDEO PER TUTTI GLI AMICI DI MATTH Vi. Matth Vi nasce, artisticamente parlando nel 2008 quando decide di proporsi come Autore e Compositore dei suoi brani, ed affermarsi cosi nel mondo della musica Cantautoriale. Le sue prime esperienze risalgono alle tante serate live ed eventi ai quali ha preso parte ed ha formato il suo primo bagaglio musicale. Successivamente ha preso parte a Casting di rilevante importanza ed a concorsi di più alto livello. Dal periodo 2008/2010 l’artista è stato impegnato con le selezioni del programma televisivo X-Factor direzione artistica di Mara Maionchi, Morgan e Simona Ventura. A seguito dell’esperienza sopra citata, Matth Vi ha preso parte alle selezioni del Festival di Sanremo, tramite l’accademia di Sanremo Lab ed Area Sanremo negli anni 2009/2010. Molti altri concorsi di livello, per citarne alcuni “Premio Bruno Lauzi Anacapri”, “Festival Show”, “Festival di Ghedi”, “Sanremo Doc”, “Tour Music Fest” ed “Applauso Tour Festival”, da dove scaturirono anche molte interviste radiofoniche. In accordo con l’etichetta discografica “Advice Music”, sono stati prodotti 5 brani, che andremo successivamente a citare. - REALTA’ : L’ artista di affaccia nel mondo della discografia raccontando quelle che sono un po’ le esperienze che accomunano l’eta caratteristica di “Vent’anni”. Una realtà un po’ distorta, che ruota attorno ad un vortice di Esperienze e Sentimenti, a tratti fatta di delusioni e cadute ed a tratti di momenti che comunque insegnano nella vita a lottare. - COME QUANDO FUORI PIOVE: “Come quando fuori piove” è un brano che nasce con un’idea ben precisa, ossia quella di raccontare al mondo che spesso è essenziale togliersi per un momento la propria maschera personale, i propri abiti da perfetti personaggi in un mondo che perfetto non è, e vivere un attimo secondo il proprio “IO”, secondo i propri ideali, sentimenti e sensazioni. - INASPETTATAMENTE : Il brano inaspettatamente tratta di una storia d’amore a tratti corrisposta, a tratti no. Il protagonista si esterna dal suo “IO” ed inizia ad osservare la sua storia con gli occhi delle persone che lo circondano, e capisce che nonostante l’amore che prova, avverte in Lei un certo senso di distacco, e nonostante non riesce a colmarlo decide comunque di proseguire perché ogni qualvolta che chiude gli occhi Inaspettatamente trova davanti ai suoi pensieri l’altra sua metà mancante. - IL SENSO DELLE COSE : Il Senso Delle Cose, che è anche il brano dal quale prende il nome l’intero disco, è un brano molto autobiografico. Tratta le esperienze vissute dall’artista, il quale ha deciso di metterle in prosa e comporci una canzone; essenzialmente “La sua Canzone” della vita. La composizione assume a tratti una sorta di sfida tra l’artista e quello che il destino gli offre, che non è sempre accettato di buon grado. - STELLA CADENTE : Il brano Stella Cadente è ispirato al fenomeno ahimè sempre più frequente della “Violenza sulle Donne”. L’artista con questo brano vuol dire basta, basta crudeltà ai danni di chi ama e di chi da la vita. Potete trovare l’intera raccolta di Matth Vi su: -iTunes https://itunes.apple.com/us/album/il-senso-delle-cose-ep/id982507536 - PlayStore: https://play.google.com/store/music/album/Matth_Vi_Il_senso_delle_cose?id=Bltgqcu4xpgjlqo5fasyztl2bxe&hl=it - AMAZON: https://www.amazon.it/gp/product/B00VNB4SXK/ref=dm_ws_sp_ps_dp Oppure durante l’ascolto collegati a Shazam, e scopri tutte le nuove produzioni di Matth Vi. https://www.facebook.com/Matth.Vi https://www.facebook.com/advicemusic Produzione Advice Music.
Stampa

CORINALDO JAZZ FESTIVAL 2016 – XVIII Edizione

Scritto da Cinzia. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
L'associazione Culturale Round Jazz con la collaborazione del Comune di Corinaldo - Assessorato alla Cultura ,è pronta e lieta di invitarVi alla diciottesima edizione del CORINALDO JAZZ FESTIVAL che si terrà dal 5 all' 8 agosto. VENERDI 5 AGOSTO la Piaggia (cento scale ) ore 21:45 LUIGI TESSAROLLO trio Luigi tessarollo - chitarra Enzo zirilli - batteria Davide liberti - contrabbasso Luigi Tessarollo, docente di chitarra jazz al Conservatorio di Milano, oltre che raffinato compositore ha pubblicato oltre 30 cd in qualità di leader e co-leader con alcuni dei migliori musicisti jazz italiani e internazionali. Tessarollo presenta con questo trio d’eccezione un concerto di forte impatto e di alto livello artistico che coinvolge totalmente anche il pubblico più profano. Ha tenuto concerti in U.S.A., in Europa e nei più prestigiosi Jazz Festival italiani, esibendosi e registrando con la maggior parte dei migliori musicisti di jazz. Vanta collaborazioni da leader e co-leader con George Garzone, Lee Konitz, Diane Schurr, Barry Harris, Larry Schnider, Slide Hampton e molti altri. INGRESSO LIBERO In collaborazione con Osteria de Scuretto Nova Taberna SABATO 6 AGOSTO Piazza Santo Spirito ore 21:45 LORENZO TUCCI - SPARKLE TRIO Lorenzo tucci – batteria Luca Mannutza– piano Luca fattorini - contrabbasso Lorenzo Tucci, batterista e jazzista di fama internazionale, per questo nuovo trio, decide di eseguire tutti “originals” di sua composizione e due omaggi, a due compositori eleganti e sensibili, Pino Daniele e Sting. I brani spaziano da atmosfere intimistiche e riflessive a ritmiche più complesse e articolate, senza perdere di vista l’importanza della melodia, che Tucci in questo progetto vuole esaltare. Il trio è molto attento a tutto quello che accade nel panorama musicale Internazionale, lasciandosi influenzare da tutte le varie forme e sonorità. Tutto si fonde in uno stile di jazz moderno/contemporaneo, nel quale i tre si sentono a proprio agio, tessendo insieme al leader trame dal sapore nuovo, vivace, moderno, dando vita ad uno stile di jazz che ha ancora molto da dire. INGRESSO LIBERO In collaborazione con : La bottega di Via Cimarelli ( www.labottegadiviacimarelli.it ) Federico Mencaroni Vini - ( http://mencaroni.eu ) DOMENICA 7 AGOSTO Piazza Il Terreno ore 21:45 CAINE, AMBROSETTI, SENNI trio Uri caine - pianoforte Franco ambrosetti - tromba Stefano senni - contrabbasso Uri Caine, il pianista che rappresenta al meglio una generazione di artisti che hanno sviluppato un percorso di ricerca musicale che contamina musica classica, jazz, improvvisazione, uno dei sentieri più impervi e affascinanti della contemporaneità. Partendo dall’improvvisazione delle variazioni Goldberg, proseguiranno con alcune composizioni di Bach, di Miles Davis e di Coltrane e altri in un programma variato e sfizioso tendente a dimostrare l'assoluta attualità della musica barocca per quanto attiene alle sequenze armoniche. La convincente tromba di Ambrosetti ed il solido accompagnamento di Senni, daranno origine ad una musica a larghissimo spettro eseguita con ardore, sentimento, energia e passione. INGRESSO 15€ Dopo il concerto, jam session Ai 9 tarocchi (www.ai9tarocchi.it ) In collaborazione con : Jensen loudspeakers undefined LUNEDI 8 AGOSTO Piazza Il Terreno ore 21:45 THE GOLDEN CIRCLE Rosario giuliani - sax Fabrizio bosso - tromba Marcello di leonardo - batteria Enzo pietropaoli - contrabbasso Nel 1965 al Golden Circle, locale jazz di Stoccolma, Ornette Coleman – dopo una lunga assenza dalle scene - registra un doppio album live dalle sonorità e timbriche innovative. E’ il suo primo album con la Blue Note e rappresenterà una chiave di volta della sua carriera. Da questo live leggendario prendono spunto 4 grandi jazzisti Italiani: Rosario Giuliani al sax, Fabrizio Bosso - tromba, Enzo Pietropaoli - contrabbasso e Marcello Di Leonardo alla batteria, formano un “cerchio d’oro” immaginario, dove racchiudono le loro esperienze, abbandonano per una volta i panni di leader e mettono al servizio di una band vera e propria tutta la loro grandezza di interpreti e compositori. Non si tratta solo di un tributo ad Ornette Coleman ed alla sua musica, ancora oggi inaspettatamente “moderna” dopo 50 anni, ma più un pretesto per provare ad avvicinarsi a quello che Coleman chiamava “The New Thing”. INGRESSO 15€ Dopo il concerto, jam session Ai 9 tarocchi (www.ai9tarocchi.it ) L’ingresso ai concerti del 7 e dell ’8 è di 15€ con la possibilità di acquistare un abbonamento a 20€ su www.liveticket.it Dir.Artistica :Andrea Venturi In caso di pioggia i concerti si terranno presso il Teatro Goldoni INFORMAZIONI: tel.071 7978636 (Uff. turistico iat) - 329 4295102 ASSOCIAZIONE CULTURALE ‘ROUND JAZZ : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. SITO UFFICIALE :www.corinaldojazz.com PAGINA FACEBOOK :www.facebook.com/pages/Corinaldo-Jazz-Aspettando-il-festival/118856368220310 TWITTER : www.twitter.com/CORINALDOJAZZ La nostra associazione supporta AMANI (www.amaniforafrica.it ) ( Cinzia Sabbatini - Comunicazione eventi Corinaldo Jazz Festival )
Stampa

“Cuento los pasos” in radio il nuovo singolo di Vigù

Scritto da 3356346534. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
"Conto i suoi passi , passi che scatenano emozioni e che calpestano il mio cuore dando un peso diverso ad ogni tocco" queste sono le parole del nuovo singolo "Cuento los pasos" , il brano di Vigu che descrive l'amore non corrisposto, passi che si allontanano ma che vorresti vicino. "Baciami o lasciami , dammi emozioni positive o negative , ma restami accanto" . Vigù stavolta si presenta con un brano spagnolo molto passionale , passione padroneggiata dalla lingua spagnola, dal ritmo incalzante e da tanti altri elementi che danno vita alla storia . Al primo ascolto vi rimarrà subito in mente come un colpo di fulmine e l'inizio di un amore , sfidando chiunque a non cantare il ritornello otra vez otra vez. http://www.youtube.com/watch?v=eIO9izIQFmc
Stampa

“Lo sposalizio” il primo singolo di esordio dei Radio Lausberg

Scritto da Vincenzo Corsi. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
I dialetti dell’area arcaica calabro-lucana comprendono le parlate dell’area posta geograficamente a cavallo tra la Basilicata meridionale e la Calabria settentrionale, definita anche Area Lausberg dal nome del linguista tedesco, Heinrich Lausberg, che l’ha esplorata e analizzata per primo. Dal punto di vista linguistico è importante dire che il territorio è il punto intermedio delle vie di comunicazione che collegavano la profonda Calabria con Salerno e soprattutto con Napoli: essendo zona di transizione fra Lucania e Calabria, l’area presenta un’ibridazione linguistica tipica delle aree di confine, che sono molto permeabili: questa situazione di lingue in contatto fa sì che quest’area abbia elementi e tratti di entrambi i gruppi dialettali (calabrese e lucano) con esiti dialettali diversi, alcuni più vicini al calabrese e altri al lucano, a seconda della vicinanza alle rispettive regioni. L’idea del nome Radio Lausberg deriva quindi dalla voglia di trovare una denominazione adatta al concetto di gruppo/Progetto che meglio esprimesse valori come il forte senso d’appartenenza alle proprie radici, e che meglio veicolasse concetti base del pensiero Rl :Libertà, collaborazione, contaminazione, umiltà e naturalezza nel comporre e fare musica. Giuseppe e Luca Oliveto(voce e testi): -”Radio Lausberg è come Terre di mezzo che si uniscono, terre di mezzo che s’incontrano”. Con questi presupposti, nasce l’idea di rivalutare il patrimonio linguistico-musicale dell’intera area del massiccio del Pollino, definendola “Terra di Mezzo”. L’approccio e il recupero sistematico di molto materiale musicologico, porta verso una reinterpretazione del repertorio stesso operando arrangiamenti sobri, senza snaturare il contenuto e l’essenza della vocalità e dello strumentario impiegato nella produzione dei brani. L’essenza e il corpus dell’ensamble è la sua poliedricità: diversità di generi, passando dall’acustico popolare a all’acustico colto, non disdegnando dellesonorità elettriche e sperimentali. Vengono impiegati strumenti nobili come ad esempio il fagotto, il cembalo, il flauto dolce, piccole percussioni, archi, fiati, etc. evitando, volutamente, l’aspetto “folk” di alcuni arrangiamenti che si sentono frequentemente e strumenti tipici tradizionali dell’area.Materiale di riferimento e punto di partenza, per quanto riguarda le rielaborazioni della musica popolare, è sicuramente il lavoro sul campo di Carpitella e De Martino degli anni cinquanta con brani come lu nigghje e quant’è irtu stu palazzo), ma anche brani della tradizione calabrese come a chiu bella e tutt, etc. Particolare attenzione si pone rispetto alla musica d’autore. Il progetto inoltre intende sviluppare e proporre soprattutto brani inediti che rappresentano il territorio e le problematiche connesse , o brani che narrano visioni di pace e utopie di bellezza, semplicità e civiltà perdute e da auspicare. Kuntaminata Storia è uno spettacolo musicale di matrice popolare, rivisitazioni dei brani più noti della tradizione popolare dell'Area Lausberg e del Sud Italia in genere, e brani inediti che spaziano dallo stile folk a quello più cantautorale classico, ritmi sempre più contaminati e sonorità sperimentali ,mettendone in risalto le qualità e le caratteristiche dell’essenza del corpus dell’ensamble ovvero la sua poliedricità: diversità di generi, passando dall’acustico popolare all’acustico colto, non disdegnando delle sonorità elettriche, con uno sguardo attento ai grandi cantautori. Nelle 2 ore di live vengono utilizzati strumenti nobili come ad esempio il fagotto, il cembalo, il flauto dolce, il contrabasso e strumenti tipici popolari dell'area: organetto, zampogna a chiave, surdulina, chitarra battente, cupi Cupi, totarella ecc. Momenti musicali di gioia, di energia e lirica popolare si alternano a momenti di recitazione, fatta per lo più di racconti, storie intrise di genuinità, semplicità, tematiche quasi sempre volte al risalto dei valori della tradizione e connesse alle problematiche inerenti al territorio. Radio Lausberg è un modo d’essere un modo di pensare, un laboratorio in costante movimento dove idee e musicisti sono legati dagli stessi gusti, dagli stessi ideali, ma soprattutto dalla stessa voglia di fare musica, non dimenticandone mai le origini umili e di campagna. La Band è cosi composta: Giuseppe Oliveto (voce,fisarmonica,strumenti popolari in genere); Luca Oliveto (voce,basso); Adolfo Cuccaro (Tastiere,cembalo,piccole percussioni); Raffaele Chiodi (chitarra acustica,classica,battente); Enzo Peluso (Chitarre,flauti ,totarella); Mario Chiodi (Batteria,percussioni) ; Adele Ceneri (Voce, cori); Fabio Pellicori (attore recitante).
Stampa

Francesco Pellicini , Ti devi uniformare : il nuovo singolo estratto da Non Ho Tempo Di Prendere A Schiaffi Tutti

Scritto da Vincenzo Corsi. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
“Naturalmente gli schiaffi sono morali e non fisici. Pur non amando i moralisti!” parola di Francesco Pellicini. In un momento storico di forte decadentismo generale la reazione dell’artista prende spunto da quell’epica frase musicale “sul ponte sventola bandiera bianca” del grande Franco Battiato, Francesco Pellicini presenta un album che ricalca fedelmente il suo trascorso artistico: autore, comico di teatro canzone, attore e scrittore, abituato a spaziare nei generi artistici, poliedrico, Pellicini presenta un album al confine tra la canzone comica di stampo “jannacciano” e la canzone allegra, spensierata, ironica ispirata al grande Rino Gaetano, dieci canzoni tra rock, blues, ballate acustiche, comicità, canzone d’autore. Apre l’album “Di cena in scena”, una sorta di testamento vitale dell’artista, poi “Non ho tempo di prendere a schiaffi tutti”, canzone che da il titolo all’album con un testo molto forte disposto a “tormentone” dove l’artista reagisce, a modo suo, rispetto al mondo che lo circonda. Terza canzone dell’album “Il prode frontaliere”, un rock satirico sulla difficile vita dei frontalieri (Francesco Pellicini nasce a Luino, paese di artisti al confine con la Svizzera dove il tema è molto sentito e di attualità), seguito da “Ti devi uniformare”, quarto brano dell’album eletto a “singolo” di lancio dello stesso prodotto discografico. La quinta canzone, forse la più sentita per l’autore, è una ballata molto intima e romantica: “La forza che mi dai”, dove nel brano, Francesco Pellicini immagina un dialogo molto tenero con il padre di recente scomparso; sesto brano dell’album “Ho una marcia in più” tipico brano di stampo “Jannacciano” pronto a definire il genere comico musicale tanto caro all’autore, sempre sul tema di “Non ho tempo di prendere a schiaffi tutti” ecco “Rock Muriatico”, settimo brano dell’album dedicato alle tragedie di coloro i quali, in barba alla legge, decidono di farsi giustizia da soli. L’ottavo brano, “Vorrei prenderti sul tram”, di Jacopo Fo e Davide Rota, è in realtà ripreso da Francesco Pellicini come omaggio all’amico e collega Rota, anch’egli tragicamente scomparso nell’ottobre 2014, un blues comico davvero eccellente che dimostra l’intelligenza artistica degli autori. A chiudere “Un’estate sul lago Maggiore”, uno dei pezzi più sentiti e amati dall’autore e “Da Leggiuno in Nazionale”, canzone dedicata al grande calciatore Gigi Riva per il quale Francesco Pellicini ha inscenato un apprezzato spettacolo teatrale. Le musiche sono del cantautore Massimiliano “Max” Peroni ad eccezione de “Il Prode Fontaliere” (Santi) e dell’amico Andrea Decio. Biografia Classe 1973, di Luino, attore, autore, comico di teatro canzone, scrittore e cantante, ha pubblicato 4 libri, ha fatto parte del lab Zelig Milano 2010, ha vinto il Premio Dario Fo come miglior presentatore, è direttore artistico del festival del teatro e della comicità di Luino ideato con Francesco Salvi, è coautore della direzione artistica del teatro Nazionale di Milano, ha lavorato con tutti i grandi nomi del cabaret italiano, collabora con Mogol, in qualità di presentatore dello spettacolo del grande autore italiano. I Delfini D' Acqua Dolce sono : Lorenzo Colombo (Basso), Paolo Santi (Chitarra), Felky (Batteria), Thomas Graziani (tastiere, pianoforte e corri).
Stampa

“SILENT ROCK” ...a Ivrea, l' 1-2-3 Luglio, inizia la nuova era dei concerti silenziosi al Miscela Rock Festival.

Scritto da https://www.facebook.com/events/1025682577517509/. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
A presentare la novità è il piemontese Miscela Rock Festival che propone il primo esperimento di questo tipo nel Nord-Ovest italiano. Una miscela di generi musicali da ascoltare anche in cuffia, un contenitore gratuito di iniziative culturali, ludiche e sociali, ma anche uno spazio di svago con il mercatino artigianale e l'immancabile “street food”. La volontà di ricercare sempre nuove esperienze e nuove sfide è nel dna degli organizzatori del Miscela Rock Festival che a partire dall'edizione 2016 (quattordicesima consecutiva), propongono una novità assoluta sul territorio. Si tratta di concerti silenziosi, un sistema innovativo di diffusione sonora che consente una integrazione perfetta con l'ambiente urbano nel rispetto delle esigenze di ognuno, ma promette di creare al contempo una esperienza unica ed innovativa per i musicisti e per il pubblico presente. La musica infatti, a partire da una certa ora, verrà trasmessa in esclusiva tramite l’ausilio di trasmettitori wireless direttamente nelle cuffie fluorescenti del pubblico, per una esperienza multi sensoriale a zero impatto sonoro nel pieno rispetto dell’ambiente circostante. In tutto questo non aspettatevi di trovare sul palco i soliti nomi che macinano date in tutti i festival della penisola rendendoli fin troppo simili uno all’altro; una ventina di artisti italiani che hanno superato le selezioni tra centinaia di proposte pervenute alla direzione artistica e due ospiti internazionali, insieme alle novità più giovani e promettenti del territorio. Sono queste le componenti che animeranno il palco e le oltre 25 ore di musica live del Miscela Rock Festival. Oltre alla musica, rigorosamente gratuita come da tradizione del festival, troveranno spazio lo street food, buon bere, aree relax, campeggio, mercatino, laboratori di riciclo per famiglie e la prima edizione della MISCELART, esposizione di opere artistiche selezionate presso lo Spazio Arte Giovani di Ivrea collegato direttamente all’area del festival. Sarà lo Stadio della Canoa sulle fresche rive della Dora Baltea, nei giorni 1, 2 e 3 Luglio, a far da cornice naturale esclusiva a tutte queste novità per quella che si prospetta essere l’occasione di partire con il piede giusto per una estate di musica, arte, amici e divertimento. Miscela Rock Festival è ideato e realizzato dalla Associazione Culturale Miscela, con il patrocinio della Città di Ivrea (TO) ed il contributo di Fondazione Guelpa. MISCELA ROCK FESTIVAL 2016 – XIV Edizione –1/2/3 Luglio 2016, Stadio della Canoa-Via Dora Baltea IVREA (TO) Ingresso gratuito Info & Contatti : Associazione Culturale Miscela www.miscelarockfestival.it www.facebook.com/miscelarockfestival MAIL Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. SEGUE PROGRAMMA DETTAGLIATO DELL'EVENTO Venerdì 1 Luglio Ore 16.00 Apertura Mostra MISCELART presso Spazio Arte Giovani Ivrea Ore 18.00 Apertura Stand Street Food Ore 21.00 – 24.00 Concerti: JORDAAN (TO) DRAMALOVE (TO) SIREN (PU) MADJIVE -France - Ore 24.00 – 02.00 Concerti silenziosi tramite uso di cuffie wireless BLUMIA (LE) FEDE DJ – HB- (TO) Sabato 2 Luglio Ore 14.00 Apertura Mostra MISCELART presso Spazio Arte Giovani Ivrea Ore 14.00 Apertura Stand Street Food Ore 14.00 Laboratori per bambini con Riciclina e Circowow Ore 18.00 – 24.00 Concerti: VINCITORE CONTEST IVREA IN MUSICA (TO) ATTITUDE (TO) JULIE AND THE CLOUD (TO) SIVERAL (MI) THE JAB (TO) DUE MINUTI D'ODIO (NA) MAB -France- Ore 24.00 – 02.00 Concerti silenziosi tramite uso di cuffie wireless YLAMAR (CN) REACTJ (TO) Domenica 3 Luglio Ore 14.00 Apertura Mostra MISCELART presso Spazio Arte Giovani Ivrea Ore 14.00 Apertura Stand Street Food Ore 15.00 Laboratori per bambini con Riciclina e Circowow Ore 18.00 – 24.00 Concerti: WHITE NOISE (TO) SKYLINE (TO) BUZZY LAO (TO) THE KARAVANS (BI) EARTHIST (PR) 2 FAT MEN "MISCELA CLOSING PARTY" (TO/UK) undefined
Stampa

In radio “Parigi Parigi Parigi” il nuovo singolo di Franco Andreotti

Scritto da Vincenzo Corsi. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
"Parigi Parigi Parigi" il nuovo brano del cantautore genovese Franco Andreotti, descrive la città francese, evocata mediante immagini-simbolo , il bistrot, i boulevards d'autunno, l'impressionismo, con un flash su Pigalle e Montparnasse. Biografia : Franco Andreotti è nato a Genova nel 1958 . Già dal 1976 scrive e musica i propri testi . Nel 1980 supera gli esami a Genova e a Roma come autore e compositore presso la SIAE . Partecipa nel 1987 alla festa per Piero Ciampi a Livorno registrando consensi . È stato invitato al teatro L.Da Vinci a Milano , al teatro Modena, al teatro Govi,a villa Serra per la festa del primo maggio e a altre manifestazioni canore sempre nella città di Genova. Nel 2012 è apprezzato anche a Sofia . Scrittore engagé sensibile alle storie della vita , il suo è un affresco realistico anche se a tratti simbolista e ermetico . Le armonie da lui composte sono semplici in grado di coinvolgere l'attenzione di un pubblico di tutte le età . Ma ciò che più lo caratterizza è la capacità della sua parola di evocare "immagini".
Stampa

Benvenuti in un’altra dimensione, in radio il singolo d’esordio di Tarantino

Scritto da 546746467. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
“Benvenuti in un’altra dimensione”, scritto dallo stesso Tarantino in collaborazione con il suo “producer e scopritore” Michele Cammarota ed il rapper (con cui duetta nel brano) Steve, è il manifesto del progetto musicale intrapreso nel 2013 dal cantautore per creare una sua “dimensione musicale in divenire”. Link You Tube http://www.youtube.com/watch?v=nYChGxMCn9o Caratteristica fondamentale dell’anima della canzone, come evidenziato anche dall’incalzante arrangiamento, è la consapevolezza di un profondo senso di libertà e di lotta verso qualunque forma di ignoranza e di abuso e, soprattutto, paura nel credere in ciò che si è realmente. Biografia: Tarantino, all'anagrafe Nicola Tarantino, nasce a Napoli il 26 maggio 1993. L' amore per la musica, unita allo studio del pianoforte, lo accompagnano sin da bambino. Negli anni il tutto si tramuta in canzoni. Ci sono i primi live, variegati da esperienze di ogni tipo: contest, concorsi, strada, vita. Nel 2010, durante un contest (in cui Tarantino si classificherà al primo posto) arriva la svolta per la sua carriera cantautorale grazie all'incontro con il produttore discografico Michele Cammarota, con il quale inizia un sodalizio artistico. Cominciano a nascere i primi inediti di un progetto che si infittisce di nuove sfumature e che dura da oramai 5 anni, nel corso dei quali il cantautore ha modo di sperimentare nuovi sound e di raffinare la sua tecnica compositiva ed autorIale. Nel frattempo si iscrive alla facoltà di Statistica dell' Università “Federico II di Napoli”, ma non è un calcolatore, tutt'altro. I suoi testi e le sue sonorità rispecchiano il quotidiano, la follia di una generazione alla continua ricerca di se stessa, quella di oggi, ma con lo sguardo sempre attento al passato. Singolare la sua scrittura dettata da una visione caotica di una società in perenne mutamento. Si definisce un sognatore di provincia, il legame con la sua terra d'origine (Cicciano) è profondo, ma lo sguardo è sul mondo. Cominciano anche molteplici collaborazioni per altri artisti, frutto di una grandissima alchimia con il suo producer, tra cui ricordiamo il brano d'esordio di Giorgia Pino (finalista di The voice of Italy 2) dal titolo "Tu prendimi così", il brano estivo “Il peggio è passato” interpretato da Cesko (frontman della rinomata band salentina “Après La Classe”) e Simone Perrone (The Voice of Italy 3). È attualmente impegnato nella lavorazione del suo album d'esordio -con la produzione artistica di Michele Cammarota - che sarà distribuito da Riserva Sonora di Adriana Rombolà e Marco Mori e che sarà anticipato dal singolo “Benvenuti in un’altra dimensione” (in featuring con il rapper varesino Steve) con l’uscita programmata per la seconda settimana di Giugno.
Stampa

Angelo Seretti torna in radio con Bye Bye City

Scritto da GIULIO. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
Nuova proposta musicale di Angelo Seretti che, per la prima volta in italiano, interpreta una versione completamente ri arrangiata di Bye Bye City di Pierre Grocolas portata al successo nel 1969 da Dino. Angelo Seretti nasce in una famiglia di artisti; tra padre e fratelli, alcuni hanno fatto della loro passione per pittura e scultura una professione. L’inclinazione di Angelo è la musica, tanto che fin da piccolo frequenta lezioni di pianoforte e canto . Affascinato da crooners come Frank Sinatra, Dean Martin e Nat “King” Cole, ne trae ispirazione, e affina nel tempo la sua tecnica swing, conquistando sempre maggiore favore nel settore dell’interpretazione; fino ad arrivare, nel 2012, a firmare un contratto con la“Ghiro Records” di David Marchetti, con il quale nel 2002 di Anna Tatangelo trionfò a Sanremo Giovani. Inizia poi una tournee in Italia, Germania e Francia; nel 2013 viene invitato a Sanremo Doc, partecipa a vari concorsi a livello regionale e nazionale, che culminano con la vincita a giugno delle selezioni di Friuli Venezia Giulia e Veneto di “The Talent” . Partecipa al programma “Millevoci” – a diffusione nazionale ed internazionale- insieme ai Big della canzone melodica italiana, come Gianni Nazzaro, Giovanna Nocetti, Gianni Drudi, Stefania Cento e tanti altri. A luglio 2013, canta davanti a migliaia di persone sullo stesso palco con Mal, Leano Morelli, Gian Pieretti e George Aaron. Ha modo così di conoscere Claudio Natili dei Romans, autore -tra tante altre- della celebre ''Tornerò'' che ha venduto milioni di dischi, che gli affida l'inedita, bellissima ''Without you'' , incisa nel febbraio 2014. Il 2015 si apre con un proprio ri-arrangiamento di “Desirèe” di Gilbert Becaud, autore di brani indimenticabili incisi tra l'altro da Neil Diamond, James Brown, Elvis Presley ,Frank Sinatra e Bob Dylan. A maggio partecipa alla nuova edizione di''MilleVoci'' . Dopo alcuni concerti estivi in Francia e Lussemburgo, a settembre viene chiamato ad esibirsi in alcuni locali a Montecarlo. Un duetto con George Aaron, big della musica disco degli anni 80 che ha venduto oltre 10 milioni di dischi, chiude il 2015. La canzone "Let it be me", volutamente "retro-dance" viene proposta alle principali emittenti, e subito entra nella classifica Radio Nazionale MEI. Diverse interviste dalle radio estere ne confermano l’ apprezzamento anche fuori dall'Italia. Viene girato un video, cliccatissimo su Youtube, e molti portali musicali iniziano ad interessarsi a questo interprete. Anche la stampa si incuriosisce, e compaiono interviste su pubblicazioni del settore musicale e di spettacolo. A maggio 2016, è stato ancora invitato a partecipare a "MilleVoci" dove si è esibito insieme a Bobby Solo, Amedeo Minghi, Mariella Nava, Franco Dani, Stefano Borgia e non sono mancati i gruppi come I cugini di campagna, I Santo California, I Romans, I Jalisse e molti altri. É prossima la pubblicazione di un album. Il prossimo tour è previsto dal 4 al 11 novembre in Gran Bretagna infatti Angelo canta in 5 lingue . https://www.facebook.com/angelo.seretti?fref=ts
Stampa

Trenincorsa, il folk lombardo contemporaneo con la benedizione di Cesareo e Van De Sfroos

Scritto da Luca Bramanti. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
"Orapronobis" è il titolo del primo singolo estratto da "Barba e Capelli", nuovo album dei Trenincorsa. La band di musica popolare lombarda, prodotta da Cesareo, chitarrista di Elio e le Storie Tese, torna con questo singolo scritto dal celebre musicista folk Davide Van De Sfroos. I Trenincorsa sono in viaggio da sempre e questa filosofia migrante la conoscono molto bene. Dopo più di 10 anni di carriera è giunto il tempo di una nuova partenza, senza rinnegare le tappe del viaggio. Un taglio col passato, da cui nasce il nuovo disco Barba e Capelli. Chi segue già da tempo il tragitto dei Trenincorsa conosce bene le tappe in questione, perché le ha vissute con la band. Il punto di partenza è e rimarrà sempre la musica folk, ma nel giro di breve tempo, anche altri generi e sonorità sono diventati inseparabili fonti di ispirazione. Un caleidoscopio musicale intrecciato intorno a due capisaldi imprescindibili. Il primo concerne la musica, nella sua dimensione tradizionale e popolare in tutte le sue derivazioni. Il secondo riguarda un originale bilinguismo che vede la convivenza della lingua italiana con il dialetto lombardo, il riferimento culturale predominante dei Trenincorsa. La nuova ripartenza incarnata da Barba e Capelli tiene fede a tutte le esperienze suddette, ma vede un importante aggiornamento per quanto concerne i compagni di viaggio saliti sui vagoni dei Trenincorsa. Con quattro album alle spalle, innumerevoli concerti tra le amate terre del Lago Maggiore, nel resto d’Italia, in Svizzera, Francia e Slovenia, i numerosi artisti e maestri incontrati lungo il viaggio dai Trenincorsa; tutto ciò è parte integrante di questa nuova tappa. Cesareo, lo storico chitarrista degli Elio e le Storie Tese, è Il nuovo "capotreno" dei Trenincorsa. In qualità di produttore artistico, il fenomenale chitarrista della band milanese ha prestato anche in prima persona la sua sei corde per l'album Barba e Capelli. Questa importante svolta nella carriera del gruppo ha permesso di offrire un "passaggio" anche a Faso e Jantoman, bassista e tastierista sempre degli Elii. Non solo: lo stesso Elio ha prestato la sua voce nel brano Onderod (omaggio lumbard a Jack Kerouac e a tutte le band perennemente in tour), e Davide Van de Sfroos con uno speciale regalo per la band, ha apposto la sua personale firma al singolo Orapronobis. I nuovi compagni di viaggio hanno portato una ventata di novità per quanto concerne le sonorità dei Trenincorsa: all'immancabile sound della fisarmonica si è affiancato il suono di tastiere come mai precedentemente nella loro discografia. La perizia tecnica di Cesareo e l'esperienza della sua produzione artistica, sono poi il fiore all'occhiello di una produzione discografica come mai prima d'ora i Trenincorsa avevano sperimentato. Con la doppia prospettiva di un viaggiatore con lo sguardo proiettato in avanti, ma con la consapevolezza delle tappe lasciate alle spalle, il treno è ripartito. Salite anche voi e lasciatevi trasportare da Barba e Capelli. Il primo singolo estratto da Barba e Capelli, Orapronobis, è il perfetto biglietto da timbrare prima di incominciare il viaggio. L'amicizia e la stima reciproca con Davide Van de Sfroos, storico punto di riferimento del folk lumbard, trova in questa canzone la sua conferma. Dopo aver incrociato i percorsi su numerosi palcoscenici, condividendo la medesima visione della musica e della cultura popolare, Davide Van de Sfroos ha voluto donare Orapronobis ai Trenincorsa, una canzone che lo stesso autore definisce “una sorta di esorcismo psichedelico, una mistura di lingue che si intrecciano nel testo”; la conferma di quanti punti di incontro ci siano tra la band e il cantautore. Un omaggio, un segno di stima, ma anche la promessa di future e fruttuose collaborazioni.
Stampa

Romagna Mia 2.0 Il Liscio Nella Rete : vince la formazione della piccola orchestra Ochtopus di Ravenna con la Versione di Romagna (Anche) Mia

Scritto da 656758. Posted in News/Comunicati

Valutazione attuale:  / 0
La giuria coordinata da Giordano Sangiorgi con Mirko Casadei e Moreno Conficconi ha selezionato i vincitori. ROMAGNA MIA 2.0 – IL LISCIO NELLA RETE: VINCE LA FORMAZIONE DELLA PICCOLA ORCHESTRA OCHTOPUS DI RAVENNA CON LA VERSIONE DI ROMAGNA (ANCHE) MIA . Una canzone che getta un ponte tra i Balcani e l’Adriatico come è nello spirito di questa prima edizione de La Notte del Liscio con la partecipazione di Goran Bregovic Selezionati i giovani allievi del primo masterclass del folklore romagnolo che faranno parte della Cosa Folk per La Notte del Liscio. www.notteliscio.it Dopo l’anno zero che vide la vittoria dei Kachupa, quest’anno la partecipazione alla prima edizione istituzionale al Romagna Mia 2.0 – Il Liscio nella Rete è stata decisamente alta e interessante dal punto di vista qualitativo. Segno che il concorso sta cogliendo nel segno e non potrà’ che sempre crescere nel tempo e avvicinarsi sempre piu’ al mondo dei giovani musicisti. Alla fine sono otto i brani selezionati dalla giuria coordinata da Giordano Sangiorgi, patron del MEI, insieme a Mirko Casadei e Moreno Conficconi con il supporto di Marco Barbieri e Carolina Casadei. La vittoria è stata assegnata alla Piccola Orchestra Ochtopus di Ravenna con la cover di Romagna (anche ) Mia , intitolata anche Balcania Mia e che getta un ponte culturale importante tra i Balcani e l’Adriatico come è nello spirito di questa prima edizione de La Notte del Liscio con la grande partecipazione di Goran Bregovic il 23 luglio a Rimini. Dopo il Premio MEI assegnato al vincitore, il secondo classificato si aggiudica il Premio Edizioni Casadei Simpatia con una versione rock wave di Romagna Capitale veramente di forte impatto, parliamo dei Vertigo, interessantissima formazione imolese, mentre al terzo posto il Premio Casadei Sonora viene assegnato ai bolognesi Minor Swing Quintet con una versione gypsie manouche veramente “world” di Romagna Mia. Cme si vede bene tre modi diversi di rinnovare la grande tradizione del folklore romagnolo per avvicinarlo ancora di piu’ alle nuove generazioni. Infine, la giuria , ha voluto segnalare altri cinque brani meritevoli per la loro reinterpretazione del liscio nelle piu’ diverse e moderne chiavi: da quella cantautorale fino a quella progressive in un caleidoscopio di proposte musicali veramente di grande spessore. Ecco la classifica dei tre vincitori e le menzioni speciali per gli altri brani di qualita’. Solo i primi tre vincono naturalmente i premi assegnati dall’Apt Emilia –Romagna insieme al Mei e alle Edizioni Casadei Simpatia e Casadei Sonora, mentre agli altri menzionati verra’ assegnata una targa. Classifica Premio MEI 1 Piccola Orchestra Octhtopus di Ravenna con Romagna (anche) Mia in versione balcanica (Balcania Mia) vicina al tema di quest’anno di un Ponte tra i Balcani e l’Adriatico e con Goran Bregovic come ospite https://www.youtube.com/watch?v=CVeqZ2XQkKc 2 Premio Casadei Simpatia Vertigo di Imola con una magistrale prova rock wave di Romagna Capitale rendendolo inno attuale e giovanile e al passo coi tempi https://drive.google.com/open?id=0B-p9xKuMSqUyVXdJLS02WjBMbU0 3 Premio Casadei Sonora Minor Swing Quintet di Bologna con una versione gypsie manouche di grande spessore culturale di Romagna Mia veramente world. https://www.youtube.com/watch?v=m6WCk87kztw Menzioni speciali agli artisti e alle band: Nashiville e Balckbones di Rimini per Il Passatore in una versione cantautorale molto legata ai cantautori francesi e italiani Anna Luppi di Mantova per una Ciao Mare molto vicina alle folksinger americane Scaricatori di Portico di Ravenna per un supermedley che unisce Romagna Mia ad altre storiche canzoni internazionali come Besame Mucho e Honolulu Baby Heartbreak Hotel di Rimini per una Romagna Mia aperta e spettacolare molto legata al mito dell’entertainment show Malaurora di San Marino per una Romagna Capitale in una eccellente versione intimista e progressive insieme I tre vincitori vincono piadine, prodotti tipici e un soggiorno in Romagna a cura di Apt e consorzi dei prodotti tipici e le esibizione live al Notte del Liscio e produzioni del brano a cura del MEI per il primo, Casadei Simpatia del secondo e Casadei Sonora per il terzo classificato. Le menzioni speciali vengono invitate a ritirare una Targa durante la giornata del 23 luglio. Intanto si è conclusa con successo la prima Masterclass del Folklore Romagnolo svoltasi a Cosa Scuola di Forlì sull’onda della prima edizione de La Notte del Liscio che portera’ sul palco de La Notte del Liscio del 23 luglio a Misano Adriatico una formazione fatta tutta di giovani e qualificati musicisti selezionati dai migliori musicisti di liscio del territorio. Questo l'elenco dei selezionati risultati idonei a far parte di Cosa Folk l'orchestra di Giovani Talenti che si esibirà il 23 Luglio a Misano Adriatico per la Notte del Liscio: Gianluca Frassineti alla chitarra, Mirco Pacioni al clarinetto, Federico Bolognini alla fisarmonica, Giacomo Rocchi alla batteria, Paolo Simoncelli al basso, Marta Cupertino al violino e Leonardo Contri alle tastiere e fisarmonica e il giovanissimo sassofonista già selezionato in precedenza Gianni Leoni., tutti selezionati da Cosa Scuola Music Academy con la collaborazione del MEI e dai musicisti Giordano Giannarelli alla fisarmonica, Loris Bresciani al basso, Edilio Nicolucci al piano, tastiere e arrangiamenti, Gabriele Zaccherini al clarinetto, Tiziano Tenaglia al violino, Pier Martinetti alla chitarra e Marco Tagliavini al saxofono e Gianni Trevisani alla batteria, coordinati da Luca Medri.

Altri articoli...